Intervista ad Elena Russo

Elena Russo, attrice italiana, protagonista di tantissime serie tv e film, sarà in tv con “Rodolfo Valentino” e sarà protagonista femminile della serie “Furore”.


Oltre a tanto cinema e tv anche tanto teatro.
Si, sono molto contenta di poter ritornare in scena, al teatro Belli, per rappresentare “Il topo nel cortile” di Daniele Falleri. È una bellissima rappresentazione che ha già riscosso tantissimo successo e che nuovamente sarà rappresentata.

A tal proposito, cosa l’affascina di più tra TV, cinema e teatro?
Io ho lavorato in tutti e tre i campi e posso dire che ognuno di essi regala emozioni diverse. Sono tre lavori diversi. Il cinema però lo preferisco perché ciò che fai resta per tutta la vita, impresso per sempre. Ed io vado orgogliosa di ciò che ho fatto per il cinema proprio per questo.

Le sue letture preferite? Il suo tempo libero come se lo organizza?
Amo pazzamente la lettura. Mi risarcisce delle fatiche della giornata. Sa farmi riprendere da una giornata “no”. Amo il libro “Come Dio comanda” . Spesso mi tengo in forma facendo un allenamento fisico davvero tosto con un personal trainer. Ed appena posso cerco di aiutare le persone che ne hanno bisogno.

C’è qualche personaggio interpretato in passato alla quale è più legata di altri?
A dir la verità no. Ogni personaggio che mi viene chiesto di interpretare e che io accetto di interpretare è da me scelto coscienziosamente. E quindi più o meno tutti quelli che scelgo di interpretare restano dentro di me e li faccio miei.

Come  è il suo rapporto con i social network?
Sto migliorando a dir la verità. Da un anno ho compreso l’importanza di questo nuovo modo di comunicare e l’ho preso molto più sul serio. Sono veramente importanti e credo che alla lunga supereranno gli altri mezzi di comunicazione.

Quali sono i valori ai quali tiene particolarmente?
La bontà d’animo. E se proprio devo dire ciò che non sopporto, è chi fa doppie facce.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Andrea Barzagli: "Tre schiaffoni"

Articolo successivo

Intervista a Micol Azzurro

Articoli correlati
P