Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Calcio

Chiellini: “Mexes? Nessun chiarimento. Parla il campo”

Ai microfoni di Sky Sport HD, alla fine del match dello Juventus Stadium, il difensore della Juventus Giorgio Chiellini.

Questa vittoria è una risposta alla Roma, al Napoli, o ai critici che ha tirato in ballo ieri Conte?
No, non dovevamo dare risposte a nessuno. E’ una vittoria per noi, anche se, purtroppo, non riusciamo a godercela fino in fondo, perché  come ultimamente succede troppo spesso, ci siamo rovinati un po’ la vita in una situazione dove la partita era già chiusa, con delle disattenzioni sulle quali abbiamo rischiato, comunque, di far pareggiare il Milan, perché l’ultimo angolo, se Zapata o Constant, non ricordo bene, la butta dentro, ci dobbiamo mangiar le mani e non dormire per una settimana.

Non è un po’ eccessivo?
Lo so, però, credo che la grande squadra, se volgiamo vincere anche quest’anno, dobbiamo cambiare registro su queste cose, perché oggi era una partita che io posso accettare il primo go, perché obiettivamente è arrivato un rimpallo, Muntari è stato bravo e reattivo e obiettivamente ci potevamo far poco. Però, dopo, avevamo fatto una reazione rabbiosa, tre o quattro occasioni, l’avevamo chiusa, loro in dieci, dovevamo tenere palla fino al 95esimo. Così, abbiamo rischiato per nulla, è questo ci deve dare un insegnamento per il futuro, che non sempre ci può andare bene e non ci è andata bene in questo inizio alcune volte.

C’è una dedica al tuo avversario (Mexes, ndr) per il gol che hai fatto?
No, la dedica è a me stesso, alla mia fidanzata, alla mia famiglia, son solo i miei cari, agli altri non c’è bisogno, parla il campo, che è meglio.

Sul pugno ricevuto da Mexes; vi siete chiariti?
No, non c’è niente da chiarire, non c’era stato motivo e non c’è stato motivo dopo. Chiaramente, ci sono dei fatti recidivi, il passato parla chiaro e credo sia giusto che la sportività dura, la cattiveria in campo per prendere la palla deve essere giustamente esaltata e ci può stare, ci si da la mano e ci si rialza. Questi episodi andrebbero puniti molto pesantemente, perché non è calcio e non c’entra niente. Ogni tanto si può sbagliare, si chiede scusa. Io in passato l’ho fatto, anche se così, a dir la verità, non me lo ricordo, solo una volta con Morfeo, in testa a testa. Credo che, comunque, il calcio sia un’altra cosa e questi episodi vadano tolti dal campo.

Pare di capire che le scuse non sono arrivate
No, no, non sono arrivate e non devono arrivare. L’ho detto, è il campo che parla, abbiamo vinto, ho segnato, sono contento, anche se mi rimane il pizzico di rammarico per il gol finale. Però, va bene così, sei vittorie e un pareggio,, le prime partite, potevamo far meglio in Champions, ma chiudiamo, sicuramente, un mese in modo positivo.

Lifestyleblog.it
Scritto da

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Potrebbe interessarti...

Calcio

Il Napoli scende in campo per ricordare Diego Armando Maradona. E lo fa indossando una maglia speciale che era stata pensata già un anno...

Calcio

È morto oggi Diego Armando Maradona, el Pibe de oro. Un arresto cardiorespiratorio si è portato via, a 60 anni, una leggenda del calcio...

Calcio

La corsa allo scudetto si preannuncia combattuta e piena di sorprese quest’anno. Le squadre che si contenderanno il tricolore si sono moltiplicate nel corso...

Calcio

«Tutto ciò che è raccontato nel film – come tutto ciò che è omesso – è lo specchio di quello che Francesco trova veramente importante nella...