Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Calcio

Mazzarri: “Siamo entrati in campo con il piglio giusto”

L’allenatore dell’Inter Walter Mazzarri ha parlato in esclusiva ai microfoni di Sky Sport HD, nel post partita di Sassuolo-Inter.

Che valore ha questa vittoria?
In questo momento dell’anno, bisogna guardare soprattutto la prestazione, come giochiamo, quanto cresciamo, quanti errori facciamo, perché siamo partiti quasi da zero, s’è dovuto fare tante cose, siamo stati in America e abbiamo visto che abbiamo pagato, che c’erano tante cose da fare, dovevamo ritrovare l’autostima. Tante cose le abbiamo fatte e in questo momento, al di là del risultato, conta l’approccio alle partite, affrontare quelle meno blasonate in un certo modo, quelle più blasonate in un altro. Questo bisognava fare e lo stiamo facendo nel migliore dei modi. Siamo entrati in campo con il piglio che volevo vedere io, la squadra giocava con la palla bassa, voleva recuperare subito il possesso. Sono contento.
Dopo la gara con la Juventus avete capito che potete competere per il vertice?
Noi le ambizioni le abbiamo sempre. Chi è stato mio giocatore potrebbe dirlo in qualunque momento, io cerco di inculcare dal primo minuto in cui mi affidano la squadra la mentalità di non accontentarsi mai, che si può sempre migliorare, anche a trent’anni, che se fino a quel momento non si sono fatte delle cose si possono fare. Noi non ci accontentiamo mai, poi obiettivi e altre cose spettano a voi, non ci interessano, noi dobbiamo concentrarci come stiamo facendo, partita dopo partita, per cercare di dare il meglio di noi. Oggi lo abbiamo fatto, in precedenza per il momento lo abbiamo fatto, dobbiamo continuare fino alla fine.
Risaltano i pochi tiri subiti.
Se un giocatore va in campo e, al di là delle qualità individuali, non sa cosa deve fare, non ragiona insieme agli altri, va in difficoltà. Quando si ragiona tutti insieme, si pensa nello stesso modo, siamo undici che ci siamo una mano, per i difensori arrivano palle più scontate, si esaltano e anche il valore individuale aumenta. Questo è il pregio di essere organizzati.
Si può ipotizzare un Alvarez alla Hamsik adesso che rientra Milito?
In questa squadra cominciamo a crescere in tanti, soprattutto in certi ruoli, si possono fare tante cose, l’importante è che tutti stiano bene, che si aiutino, che ci sia un equilibrio.
Un risultato così era per Moratti?
Era per tutti, noi abbiamo il dovere di fare il massimo. Siamo tutti stipendiati, assunti, l’Inter va tutelata, quello che vuole il Presidente ce l’ha detto ieri, mi ha aiutato a tenere tutti sulla corda, si è visto e i ragazzi ci hanno ripagato.

Lifestyleblog.it
Scritto da

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Potrebbe interessarti...

Calcio

Il Napoli scende in campo per ricordare Diego Armando Maradona. E lo fa indossando una maglia speciale che era stata pensata già un anno...

Calcio

È morto oggi Diego Armando Maradona, el Pibe de oro. Un arresto cardiorespiratorio si è portato via, a 60 anni, una leggenda del calcio...

Calcio

La corsa allo scudetto si preannuncia combattuta e piena di sorprese quest’anno. Le squadre che si contenderanno il tricolore si sono moltiplicate nel corso...

Calcio

«Tutto ciò che è raccontato nel film – come tutto ciò che è omesso – è lo specchio di quello che Francesco trova veramente importante nella...