Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Lifestyle

Massimiliano Allegri: “Gli allenatori con la tuta io li multerei”

Si parla di “un miracolo di Allegri”. In tre anni, la società Milan ha rifondato completamente l’organico ed è una delle due in Italia a chiudere l’anno col bilancio in attivo; inoltre l’allenatore Massimiliano Allegri ha lanciato un blocco di giovani italiani talentuosissimi, che ora compongono metà nazionale, e non è mai sceso dal podio. E in un’intervista a GQ, nel numero in edicola dal 2 agosto, Allegri commenta così la situazione calcistica attuale: «Ci sono troppi soldi oggi. Con il mio primo contratto prendevo 500 mila lire al mese. Come fai a tenere la testa sulle spalle se ti danno decine di migliaia di euro a diciott’anni?». Uno dei suoi “vizi” principali? Pane e nutella. «Non ci crederete, ma non ho mai fumato una sigaretta, non mi sono mai drogato. Niente di niente, in vita mia». Gli atleti non fumano. «Ma che atleta e atleta! ’Sti ragazzi oggi fumano tutti». E su Mario Balotelli: «Quando mi hanno detto che c’era la possibilità di prenderlo, ovviamente ho detto di sì. Subito. Noi con Balotelli abbiamo guadagnato due cose importanti. A parte che può diventare uno dei più forti al mondo – e questo sarà l’anno in cui lo dimostrerà – prima di lui non avevamo nessuno che batteva le punizioni. Poi converte i rigori. Poi gli faccio anche battere i corner. È il più bravo che abbiamo». Continua poi parlando dell’eleganza, apprezzabile anche in campo. «Io, gli allenatori che si presentano a bordocampo con la tuta li multerei: stai rappresentando la società, non puoi metterti la tuta!». GQ chiede ad Allegri se è consapevole di essere un sex symbol? «Ma va’, che sex symbol. Io non ci penso. Certo, per me la bellezza e l’eleganza sono importanti; anche la bellezza e l’eleganza femminili sono importanti. Se vedo una donna con le mani poco curate… ma ti pare? È con le mani che ti toccano». Infine, in merito ai media che non lo celebrano e trovano sempre qualcosa da dire sul suo operato, ammette: «È colpa mia. Sono un po’ timido, forse. Non sono bravo a comunicare con i media, evidentemente, Ma questa è una cosa che voglio cambiare».

Redazione
Scritto da

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Potrebbe interessarti...

Calcio

E’ ormai pronto il nuovo calendario della serie A. Il massimo campionato di calcio italiano sta per ripartire dopo l’emergenza Coronavirus che ha colpito...

Calcio

Compie oggi 110 anni la Nazionale italiana di calcio che continua a far innamorare milioni di italiani. La storia della nazionale La storia degli...

Calcio

L’Europa League è da sempre una competizione ricca di sorprese, gol e spettacolo. Un trofeo molto ambito che può arricchire la bacheca in maniera...

Calcio

Sabato 30 novembre, alle 18.00, Rai2 trasmetterà la cerimonia ufficiale del sorteggio per i prossimi Campionati Europei di calcio 2020. Il programma, curato da Rai...

Copyright © 2011 Lifestyleblog.it | Testata on-line iscritta al Tribunale di Bari al n. 23/2011
News e approfondimenti su Tv, Musica, Auto, Motori, Hi-tech, Cinema, Moda e tanto altro ancora.
Direttore Responsabile: Bruno Bellini Lifestyleblog.it