2.7 C
Comune di Monopoli
giovedì 28 Gennaio 2021

Moriero: “Il mio sogno è allenare il Lecce”

Da leggere

Sanremo 2021: quali scenari?

Manca poco più di un mese al Festival di Sanremo 2021. Tanti gli interrogativi legati alla kermesse canora italiana,...

Le radio più ascoltate in Italia nel Secondo Semestre 2020

Sono stati diffusi ieri i dati TER relativi all'ascolto radiofonico nel giorno medio del secondo semestre 2020. RTL 102.5 si...

Lifestyle Awards Radio 2021: i vincitori

Oggi vi annunciamo i vincitori dei Lifestyle Awards 2021 per la categoria Radio. Ieri vi abbiamo svelato quelli della...

Oggi, venerdì 19 aprile 2013, in chiaro su Premium Calcio alle ore 23.00 ritorna “La tribù del calcio”, la rubrica curata da Paolo Ziliani per i veri appassionati di pallone.

Nella puntata odierna un’intervista esclusiva a Francesco Moriero. L’attuale allenatore del Grosseto in Serie B ripercorre alcuni momenti della sua carriera da calciatore: “Io, ultima ala del calcio italiano, sono cresciuto nel mito di Causio e Conti. Mazzone non è stato solo un allenatore ma un secondo padre, con lui sono diventato giocatore e uomo. Simoni era un vero signore, si faceva amare dai suoi calciatori e da lui ho imparato come si gestisce un gruppo. Stavo per andare alla Lazio, era già tutto fatto, ma poi firmai con la Roma perché c’era Mazzone e indossai la maglia numero sette di Conti: solo chi gioca all’Olimpico può capire cosa significhi. Il ricordo più bello? L’assist per Balbo nel primo derby giocato e vinto. Il più brutto? L’eliminazione in Coppa Uefa con lo Slavia Praga, non ho mai sofferto così tanto”.

Inoltre, a proposito del periodo passato all’Inter, Moriero dichiara: “Firmai per il Milan ma quando mi proposero di andare all’Inter non ci pensai neppure un secondo: c’era Ronaldo, il giocatore più forte al mondo. Non ci sarà mai un centravanti più forte e decisivo di Ronie, ma all’Inter segnò così tanti gol perché c’ero io a farglieli fare. Il campionato 1997/98 per me lo ha vinto l’Inter, eravamo la squadra più forte, sono successe cose che tutti hanno visto. Il nostro era un gruppo di fuoriclasse e ci divertivamo tanto: il più pazzo era West che ci faceva inginocchiare prima delle partite e ci benediceva. Il povero Bergomi, così serio e riservato, non se ne capacitava”.

In conclusione, Francesco Moriero parla del suo sogno da allenatore: “Il mio sogno non è allenare l’Inter, la Roma o il Milan. Il mio sogno è allenare il Lecce”.

Ultime news

Al via Il Cantante Mascherato 2021

“Il Cantante Mascherato”, il talent game show torna su Rai1 da venerdì 29 gennaio 2021. Milly Carlucci condurrà, per...

Potrebbe interessarti