Home News Lifestyle Asaf Avidan a Max: “All’inizio One Day remixata non mi piaceva…”

Asaf Avidan a Max: “All’inizio One Day remixata non mi piaceva…”

0

Asaf Avidan, il cantante del successo planetario One Day, si racconta in un’intervista esclusiva a MAX, da martedì 9 aprile in edicola, su iPad e online su max.gazzetta.it. Del remix fatto da Wankelmut e che ha reso celebre la sua canzone, dice: «All’inizio l’idea non mi piaceva. Io ascolto folk e blues, il massimo dell’elettronica che posso amare sono i Radiohead… Un altro remix con Wankelnut? No, no, lo escludo».
Successo è felicità: «Non sono felice, non mi piace nemmeno la parola… al massimo si può essere contenti. La mia terapia è la musica, un modo per sfogarmi e per capire me stesso e gli altri».
La malinconia: «Penso che i miei siano sentimenti universali e non per forza legati alla mia nazionalità, all’essere nato in Israele. È vero la situazione lì è complicata, ma non me ne rendo nemmeno conto. Sono cresciuto con il senso di paura e circondato dall’odio, a me sembra normale».
Animale da palcoscenico: «Gerusalemme è una città magnifica ma troppo piena di religiosi e di turisti. Sono fuggito a Tel Aviv, che però, al contrario, è troppo cool e frenetica. Il posto dove mi trovo perfettamente a mio agio è il palco, penso si veda: mi metto a chiacchierare con il pubblico, mi prendo il mio tempo. Ho bisogno di quell’attenzione particolare, sono nato per quello».
Janis Joplin… paragone ingombrante: «Vorrei che mi apprezzassero anche per i testi che scrivo, non solo per le mie qualità vocali».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version