Il fascino della donna Ermanno Scervino

Una scenografia teatrale lascia intravedere, attraverso immensi teli di tulle, grandi vetrate affacciate su Firenze e preziosi candelabri ai soffitti che fanno rivivere l’atmosfera di momenti esclusivi.

In questo ambiente eclettico, dove il futuro è nel recupero delle tradizioni, nel mettere insieme elementi di epoche diverse e farle dialogare fra loro, sfila la nuova donna di Ermanno Scervino.

La collezione del prossimo inverno propone così, in un linguaggio nuovo, la contaminazione tra generi per una donna che non ha più confini.

I tessuti maschili, come le flanelle grigie illuminate da Swarovski, interpretano le forme originali dei cappotti che si accostano al corpo segnando il seno e il punto vita.

Ricordano il mondo dei bikers le imbottiture di rinforzo, le chiusure a cerniera e i revers aperti dei cappotti in angora, in pelle, in pelliccia stampa leopardo, stretti al punto vita e lunghi anche fino al polpaccio.

La pelliccia diventa tema importate e, in maniera asimmetrica, ora avvolge una manica; ora diventa collo maestoso; ora scende, come una stola, su morbidi capispalla di taglio maschile.

Tagli asimmetrici nei mini abiti che, il prossimo inverno, saranno più morbidi e fluidi nelle sete. Silhouette avvitate e costruite per gli abiti in pelle.

Lavorazioni in maglia si illuminano di Swarovski o si intagliano con  ricami fitomorfi, nei top sensuali da accostare a gonne asimmetriche.

E ancora opposizioni materiche per la sera dove i tessuti couture s’ispirano a mondi sportivi, come gli abiti bustier biker in organza e chiffon; o le gonne e gli abiti in organza, con inserti patchwork in flanella o in pelle.

Completano la collezione accessori gioiello, come le cinture in metallo di ispirazione decò reinterpretate nel mondo biker, e i bjoux tempestati di pietre taglio baguette.

Borse e piccola pelletteria

la nuova Bat Bag nel pitone move e in pelliccia stampa leopardo, la Faubourg Bag versione biker in nappa nera

Scarpe

d’orsay e decolleté stringate.

Tessuti

flanella, panno d’angora, la pelle  e il pitone, e le sete come l’organza, il crepe de chine e il crespo.

Colori

i grigi, dal chiaro all’antracite, l’off white e il glacé, il move e il bordeaux, il blu e il nero.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Derby Milano, Allegri: "Arrabbiato? No, contento di quello che ha fatto la squadra"

Articolo successivo

Intel accelera la propria espansione nel settore del mobile computing

Articoli correlati
P