15.4 C
Comune di Monopoli
domenica 11 Aprile 2021

Allegri: “Non siamo in corsa per lo scudetto”

Da leggere

L’allenatore del Milan Massimiliano Allegri ha parlato in esclusiva ai microfoni di Sky Sport HD, nel post partita di Atalanta-Milan.

Cosa cambia dopo questa vittoria?
Non cambia assolutamente niente. La squadra sta facendo discretamente bene, abbiamo ottenuto una bella vittoria e non abbiamo subito gol su un campo difficile. Anche in dieci ci hanno fatto penare perché non abbiamo chiuso la partita e poi è normale che alla fine puoi rischiare qualcosa su qualche mischia. I ragazzi hanno fatto bene tecnicamente nel primo tempo, molto bene nei primi dieci minuti del secondo tempo su un campo non bellissimo e su cui era anche difficile giocare. Credo che abbiamo meritato la vittoria nonostante avessimo di fronte una buona Atalanta.
Avete sentito i “buh” razzisti indirizzati ad alcuni vostri giocatori?
Gervasoni è stato bravo ad avvisare il quarto uomo però poi non ci sono stati più “buh”. Credo che piano piano si arrivi a migliorare anche questa situazione.
El Shaarawy è tornato al gol?
Ha fatto una buona prestazione, un bel gol, gli ha dato una bella palla Niang e quindi c’è da essere contenti. E’ normale che la rincorsa è lunga, quando rincorri devi cercare sempre di vincere e in Italia non è possibile. Quindi godiamoci questa vittoria e ora abbiamo una settimana per aspettare l’Udinese.
Cosa pensa dei meno sei punti dalla zona Champions?
Sono sereno. Aspetto di vedere innanzitutto a fine febbraio dove siamo e poi a fine maggio dove questa squadra riesce ad arrivare. E’ una squadra in crescita e al momento non sappiamo quanti margini di miglioramento può avere, visto che ci sono un po’ di ragazzotti dentro che stanno crescendo e questa credo che sia una bella cosa.
Niang al posto di Robinho?
Sono scelte tecniche. Davanti mi danno garanzie questi e oggi hanno giocato questi. Magari domenica li cambio. Robinho è un grande campione, ha passato un momento in cui sembrava dovesse andare al Santos e invece è rimasto. Io cerco di mettere in campo, indipendentemente dai contratti e dall’evoluzione del mercato del 2013, la miglior squadra per cercare di fare il risultato. Anche perché io vengo giudicato per quello che si vede in campo e dai risultati.
Stai già pensando alla gestione di Balotelli?
Non ci penso perché è ancora un giocatore del Manchester City. Se poi diventerà un giocatore del Milan ci penserò in quel momento. Quest’anno si sta ricreando un buon gruppo, con delle buone regole, una buona disciplina e questo credo sia molto importante perché nel campionato italiano la forza e il rispetto tra i vari giocatori nello spogliatoio è fondamentale.
Cosa pensa di ciò che è successo ieri sera nel finale di Juventus-Genoa?
Non lo so perché ieri sera non stavo molto bene e sono crollato alla fine del primo tempo. In questo momento la Juve è la netta favorita per il campionato e noi non siamo in corsa per lo Scudetto. E quindi non entro nel dibattito. Se non si crede alla buona fede degli arbitri è inutile farli arbitrare. E’ meglio smettere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Vaccino covid, AstraZeneca e over 80: chi dovrà aspettare

Vaccino agli over 80 e alle persone fragili. Poi, dopo gli anziani, toccherà alle categorie. L'ordinanza firmata dal generale...

Potrebbe interessarti