Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food & Beverage

Analcolicness, l’ultima tendenza estiva dei divi di Hollywood

Basta con drink alcolici a tutti i costi, da New York a Parigi, passando da Milano e Barcellona, mete della movida internazionale, impazza  l’“Analcolicness un nuovo modo di trascorrere la nightlife legati ai valori del bere sano e consapevole, soprattutto durante la stagione estiva. A seguire la tendenza sono i piu’ famosi bartender internazionali e locali piu’ “in” di tutto il mondo, come il The Brink di Liverpool e l’Elysee Montparnasse di Parigi. E come tutte le tendenze anche le celebrities di Hollywood si sono convertite all’analcolico, da Jennifer Aniston a Colin Farrell, da Eva Longoria a Ewan McGregor. I tabloid statunitensi immortalano e raccolgono le testimonianza dei vip e c’e’ chi, come l’Huffington Post ha scoperto persino che le grandi rockstar americane preferiscono la minerale, da Madonna ai Pearl Jam passando per Christina Aguilera e Gun’s Roses. Emblemi in Italia di questa nuova tendenza sono i cocktail “Mixology” by Perrier”, creati dal guru della mixologia d’avanguardia Laurent Greco, e i cocktail della Mix Art 0% Alcool 100% Creativita’ di Sanpellegrino, colosso mondiale delle acque minerali divenuta con gli anni una vera e propria leggenda nel settore delle bibite analcoliche, creative ed alternative ma soprattutto portatori dei valori di un bere sano e leggero.

L’ “Analcolicness” e’ una tendenza internazionale individuata attraverso il monitoraggio e l’analisi di oltre 200 testate internazionali (quotidiani e periodici) e 1200 siti Internet dedicati alle nuove tendenze da Found!, la prima agenzia di mood marketing communication in Italia.

Locali internazionali come il The Brink di Liverpool, e l’ Elysee Montparnasse di Parigi,  offrono alla loro clientela drink analcolici che attirano ogni sera un folto numero di clienti; su questa scia, sono anche numerosi i corsi che forniscono a barman e barlady nuove proposte e nuove tendenze nel mondo dei cocktail analcolici attraverso l’uso della frutta e di tecniche di miscelazione avanzate, da proporre nelle varie fasce orarie, dall’aperitivo al dopo cena.

L’ “Analcolicness” ha conquistato anche i divi di Hollywood: Jennifer Aniston, Jessica Simpson e Eva Longoria, quest’ultima lanciata dal serial cult “Desperate Housewives”, ne hanno fatto un vero stile di vita. Secondo quanto riportano le cronache mondane del L.A. Timesnelle loro ville californiane durante gli abituali party hanno indetto delle vere gare tra i loro ospiti per creare nuovi drink rigorosamente no alcool”. La famosa modella Claudia Schiffer al Daily Mail dichiara “per mantenermi in forma non bevo mai alcool”, la cantante e ballerina Jennifer Lopez in un’intervista alla famosa rivista femminile Glamour dichiara “non bevo alcool perché rovina la pelle”, e anche l’amatissima Samantha Jones della serie televisiva Sex and the City, ovvero l’attrice Kim Cattrall, sullo stesso magazine afferma “non bevo alcool, tutte le volte che lo faccio ottengo solo un gran mal di testa”.

Ma i tabloid americani hanno raccolto anche le dichiarazioni dei divi dello starsystem. Ewan McGregor, infatti, ha affermato che smise di bere nel 2000 per paura di perdere famiglia, carriera e tutto quello che aveva. Colin Farrell, ora astemio, dice: “La migliore decisione che io abbia mai fatto. Rinunciare all’alcool aiuta a guardare se stessi allo specchio e vedersi senza macchia per la prima volta”. E chi l’avrebbe detto che anche le piu’ famose rockstar americane hanno rinunciato all’alcool? L’Huffington Post, infatti, ha recentemente fatto alle pulci alle migliori star a stelle strisce: da Madonna che spende 10mila dollari al mese in acqua ai Pearl Jam, Gun’s Roses, passando per Christina Aguilera, Mary J Blige e Mariah Carey che non salgono sul palco se in camerino non trovano la loro acqua preferita. E, tra i divi italiani, anche le Kris&Kris, le famose dj di Radio 105, hanno sposato la tendenza del bere analcolico partecipando con la loro musica della prima serata Mix Art 0% Alcool 100% Creativita’.

Quella dell’ “Analcolicness” e’ una tendenza che sta spopolando sempre piu’ in Italia dove recenti studi dicono che l’Italia continua a distinguersi per un modello di consumo di alcool decisamente moderato preferendo un tipo di consumo analcolico, responsabile e consapevole. E sono soprattutto le donne ad essere attratte da bevande e coctktail analcolici.  Una recente ricerca conferma questo trend: per il 57% degli italiani la bevanda preferita dell’happy hour e’ l’analcolico, drink ideale per trascorrere una serata tranquilla e non impegnativa, un modo di consumare e socializzare in maniera sana e responsabile.

Nel 2011 il consumo mondiale di bevande analcoliche e’ stato di oltre 550 miliardi di litri, segnando un aumento del 4% rispetto all’anno precedente e il consumo globale pro capite si aggira intorno agli 80 litri. La forza trainante per l’aumento del consumo di bevande analcoliche resta l’Asia con un quarto del consumo mondiale. L’India ha brillato con tassi di crescita del 16 %, la Cina con il 14 %. Il Nord America detiene un quinto delle vendite mondiali ma nel 2011 il consumo e’ lievemente diminuito ed entro il 2015 e’ prevista un’ulteriore crescita fino al 25 %.

Emblemi in Italia di questa nuova tendenza sono i cocktail “Mixology” by Perrier, creati dal guru della mixologia d’avanguardia Laurent Greco, e i cocktail della Mix Art 0% Alcool 100% Creativita’ di Sanpellegrino, colosso mondiale delle acque minerali divenuta con gli anni una vera e propria leggenda nel settore delle bibite analcoliche, creative ed alternative ma soprattutto portatori dei valori di un bere sano e leggero.

Chic e stravaganti, a base di frutta oppure abbinati a ingredienti ricercati, i cocktail Mixology by Perrier realizzati dal guru della mixologia Laurent Greco, hanno sedotto e conquistato i locali piu’ cool ed esclusivi del mondo, stuzzicando i palati da Londra a San Paolo, passando per i lounge bar di Parigi, New York e Seul.  A sua volta Sanpellegrino ha di recente inaugurato Mix Art 0% Alcool 100% Creativita’, progetto che nasce dalla volonta’ di diffondere i valori di un bere sano e leggero, responsabile e di qualita’. Con i suoi cocktail analcolici ma sorprendentemente creativi, Mix Art attraversa i locali piu’ cool di tutta Italia dedicandosi a tutti coloro che desiderano scoprire un altro modo di vivere la notte e la “cultura del cocktail”, altrettanto travolgenti e ricchi di divertimento, in cui bere un drink significa godere di un’esperienza unica di gusto, ma anche di intrattenimento, e in cui il valore principale e’ la gioia di “assaporare” la vita  in maniera semplice e naturale, in sintonia con se stessi e con gli altri.

Lifestyleblog.it
Scritto da

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Potrebbe interessarti...