Connettiti con noi

Fashion

Natale 2017: le idee di regalo beauty

betty

Pubblicato

il

Chi l’ha detto che il Natale è un periodo rilassante? Secondo uno studio condotto da Treatwell, non sono pochi gli italiani che sotto queste festività accumulano stress su stress: la ragione di questa ansia? Naturalmente la ricerca dei regali, e il trovare quelle idee da accoppiare ad ognuno dei destinatari dei doni natalizi. Stando a Treatwell, il 24% degli europei avrebbe non pochi problemi a sostenere il peso mentale della ricerca dei regali: un 19%, invece, vive come un incubo il momento del loro acquisto. Questo è chiaramente dovuto alla ressa presso i centri commerciali, alle file, e alle liti che puntuali giungono quando si apre il periodo di caccia. Per sgravare un po’ questo stress, bisogna per forza di cose farsi furbi e puntare a settori evergreen, che assicurano la vittoria: il comparto del beauty, fa parte di questa lista. Qualche idea per un regalo beauty per Natale 2017?

 

Idee regalo beauty per un Natale all’insegna del corpo

Il beauty, come già detto, è un settore che oggi non conosce crisi: questo è un principio che vale indistintamente per uomini e per donne, visto che tutti fanno uso di questi prodotti. Poi ci sono molte opzioni, anche online, per capire quali sono i prodotti cosmetici più adatti per un regalo, come il sito di Nivea, brand storico che si contraddistingue per qualità e la grande scelta. Quindi quali sono i migliori da regalare questo Natale 2017? Per una donna, le scelte possibili neppure si contano: si va dalla classicissima crema idratante, fino ad arrivare alle creme per il corpo. Ad esempio, siccome siamo in inverno, una idea apprezzatissima potrebbe essere la crema per il viso pensata per le donne che hanno la pelle sensibile. Infine, possiamo chiudere questa prima sezione con un’altra idea sempre verde come il profumo: non esiste donna che non ami le essenze.

 

Altre opzioni per il beauty e lo skin care natalizio

Se avete intenzione di fare un regalo beauty a tutto tondo, allora potreste impacchettare un bel set completo contenente la crema idratante, lo scrub e le maschere per il viso. Ne esistono per tutte le tasche, e per tutte le borse: ci sono anche quelli in versione compact, da usare quando si è fuori casa o in ufficio. Anche la crema anti-age è una buona soluzione, ma solo se la destinataria non è di quelle che potrebbero prendersela e offendersi. Quali altri prodotti beauty regalare a Natale? Naturalmente il make up, come ad esempio una maxi-palette oppure un bel kit di smalti. Per le ragazze più dedicate, un’idea molto in voga è quella di regalare un kit per la manicure con smalto semipermanente! Come opzioni alternative troviamo gli olii naturali, ideali per idratare cute e capelli, e per proteggerli dall’indebolimento. Non dimenticatevi di altre possibilità come i trattamenti di bellezza: magari una seduta dal parrucchiere o una manicure, oppure un weekend presso una SPA.

Commenti

commenti

Estetica e Cosmesi

I Brands di Haircare più performanti sui social

Redazione

Pubblicato

il

L’indagine Top Brands di Blogmeter, realizzata con il nuovo tool di Social Analytics, incorona al primo posto del rating l’Oréal Italia, seguito da Biopoint e Testanera

Torna il tradizionale appuntamento mensile con la Top Brands di Blogmeter che in questa occasione ha messo sotto la propria lente di ingrandimento il settore Haircare. In particolare la Top Brands ha analizzato le performance di tutte le pagine ufficiali Facebook, Twitter, Instagram e YouTube dei brand di Haircare che si rivolgono esclusivamente al mercato italiano, escludendo prodotti per saloni professionali e brand beauty il cui focus principale non sono i prodotti per capelli. Va segnalato che la classifica dei migliori brand sui social media è stata effettuata utilizzando il nuovo tool di Social Analytics che sarà disponibile dal prossimo mese di  febbraio. In questo modo Blogmeter ha potuto analizzare le social performance complessive dei brand presi in esame, potendo così verificare in che percentuale i diversi social sono stati significativi rispetto all’engagement totale.

L’Oréal Italia conquista il primo gradino del podio puntando soprattutto su Facebook

Al primo posto del rating si posiziona L’Oréal Italiail marchio francese leader mondiale della bellezza con un’attività di comunicazione che, per la lingua italiana, si concentra su Facebook e YouTube, sebbene quest’ultimo canale occupi un ruolo secondario: su un totale di 13.100 interazioni, ben il 93,7% derivano infatti da Facebook. L’attività maggiore del profilo è segnalata in data 29 dicembre, quando l’engagement tocca il picco di 8.200 interazioni grazie soprattutto al post dedicato ai Washout Colorista, che risulta essere il contenuto più engaging tra quelli di tutti i brand analizzati. Secondo posto per Biopoint con 11.000 interazioni nei 31 giorni del mese, provenienti per l’83,3% da Facebook, ma con un buon 16,7% da Instagram. La strategia di comunicazione del brand prevede una pubblicazione pressoché parallela sui due social, così che giorni di alto engagement si alternano ad altri in cui l’engagement è pari a zero. Anche in questo caso, il post più coinvolgente è stato pubblicato su Facebook il giorno 29 dicembre (i giorni tra Natale e Capodanno sembrano essere terreno fertile per le interazioni) e presenta dei prodotti della linea Super Nutriente per un engagement totale di 1.200.

Testanera, Pantene e Bioscalin

Testanera si attesta invece in terza posizione con un engagement totale di 8.800 interazioni, il 100% delle quali dal social di Zuckerberg: su tutti gli altri social, infatti, non sono stati pubblicati contenuti nel mese di dicembre. Comune è l’uso da parte del brand di affiancare prodotti ad influencer, come Sonia Grispo o Martina Pinto, sicuramente una mossa azzeccata dal momento che questi ultimi risultano essere tra i post più engaging. Pantene arriva invece quarta con 7.700 total engagement, con Instagram a trainare fortemente il risultato: da questo canale, infatti, derivano ben il 72,4% delle interazioni, mentre Facebook pesa per il 22,8% e YouTube per 4,8%. È innegabile che il numero di interazioni sia estremamente legato alla figura di Chiara Ferragni, brand ambassador dal 2016: quest’ultima compare in tutti i post più engaging. La foto che ha ricevuto più like è infatti un repost del contenuto di Chiara Ferragni che mostra orgogliosa l’articolo che la vede in copertina non in veste di fashion blogger ma di vera imprenditrice. L’ultimo posto della classifica redatta da Blogmeter è invece occupato da Bioscalin, leader nel mercato anticaduta che nel mese di dicembre ha comunicato unicamente attraverso Facebook, ottenendo 1.600 interazioni dai 18 post pubblicati su questa piattaforma. I post risultati più engaging sono quelli a tema natalizio, in cui i prodotti del brand vengono proposti come ottime idee regalo per le feste.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Moda

Moda e accessori online, un settore dove le donne decidono anche per “lui”

Redazione

Pubblicato

il

L’identikit di chi si informa online su moda e accessori? Una donna tra i 35 e i 44 anni che usa lo smartphone nell’80% dei casi.

Una passione tra mondo maschile e femminile, dove le scarpe  sono l’oggetto più desiderato e le donne decidono e si informano di più, anche quando si tratta di scegliere per “lui”.

Nei primi mesi dell’anno l’attenzione degli italiani è rivolta ad una delle grandi passioni del nostro paese: la moda. Dai saldi invernali alle grandi manifestazioni internazionali – come Milano Moda Uomo e Milano Moda Donna – è un periodo clou per i “fashion addicted”, sia che si tratti di fare acquisti glamour, sia che si desideri avere un’idea precisa delle tendenze che verranno. Il web da qualche tempo a questa parte è diventato il canale principale per informarsi e anche per acquistare. Secondo ricerche recenti, nell’ambito del grande sviluppo che ha avuto l’e-commerce nel nostro paese, il settore “abbigliamento e affini” è uno dei primi, secondo solo all’elettronica di consumo, per un valore di circa 2,5 miliardi e un incremento, nel solo 2017, del 28%[1].

 

I canali digitali per comprare online vestiti, scarpe, borse e simili sono tanti ma, al di là degli acquisti veri e propri, è dal mondo della comparazione prezzi che è possibile ricavare informazioni ulteriori sull’interesse, le abitudini e le tendenze degli utenti che amano la moda e gli accessori. Secondo idealo – il portale internazionale per la comparazione prezzi online – l’attenzione dei consumatori digitali alla ricerca di informazioni, prezzi e opinioni sul tema registra oggi una crescita del 48,7%[2] rispetto agli anni precedenti, un dato in linea con l’incremento degli acquisti.

 

Il ritratto di chi fa ricerche online su ciò che riguarda il fashion è tutto al femminile, un dato che può apparire scontato, ma che in questo contesto non lo è affatto.

Il mondo e-commerce in generale, e la comparazione prezzi in particolare, sono considerati, di norma, numeri alla mano, territorio privilegiato degli uomini; quando si parla di moda, però, vediamo che sono le donne a tenere alta la bandiera dello shopping e dell’interesse, anche online. Google Analytics[3] rivela che l’utente tipo è infatti una donna addirittura nel 71,3% dei casi (gli uomini raggiungono solo il 28,7%). Analizzando più nel dettaglio questo identikit in rosa, scopriamo qualcosa in più: la passione per la moda online riguarda in primo luogo le donne dai 35 ai 44 anni (per il 29,4% del totale), quelle dai 45 ai 54 (per il 23,7%) e poi le più giovani, dai 25 ai 34 (per il 20,1%). Questa fetta di mondo al femminile si dimostra unita e al passo con i tempi anche per un altro particolare: la scelta netta di muoversi online sul tema usando lo smartphone.

Si tratta infatti del device usato nientemeno che nell’80,2% delle sessioni. Anche da questo punto di vista il distacco dagli uomini è notevole: l’universo maschile interessato alla moda usa il mobile solo nel 54% dei casi, rimanendo ancora fedele al PC per il 43,3% delle sessioni.

 

Grazie ai dati analizzati da idealo, si scopre anche dove si concentra la passione per la moda nel nostro paese. I “fashion addicted” più attivi online sono in Lazio (al 22,8%), in Lombardia (per il 17%) e in Toscana (all’8,8%). In fondo alla classifica si posizionano invece Trentino-Alto Adige (al 1,2%), Friuli-Venezia Giulia (con lo 0,7%) e Umbria (solo allo 0,2%). Se dovessimo considerare nel complesso il nostro paese, in sostanza, potremmo vedere come la febbre per la moda è alta al nord (43,3%) e al centro (33,9%), diminuisce invece al sud (15,2%) e nelle isole (7,5%)[4].

 

Dove si concentra l’attenzione quando si sceglie di usare il web come canale principale per coniugare il desiderio di fare shopping con le esigenze di risparmio? Secondo le ricerche condotte su idealo.it, per quanto riguarda questo tema, da inizio 2016 ad oggi oltre la metà delle intenzioni di acquisto è stata focalizzata sul mondo “unisex” (per il 61,6%) che comprende tanti prodotti tra loro diversi (per lo più accessori, come cappelli, sciarpe, portafogli, cinture, guanti, ma soprattutto un “oggetto del desiderio” diventato ormai a tutti gli effetti un “must have” da usare in moltissime occasioni: le sneakers).

 

Tutto ciò che riguarda la moda strettamente femminile raggiunge il 23,2% del totale delle ricerche (tra capi d’abbigliamento formali, casual, ma anche borse, scarpe e intimo), sul fronte abbigliamento e accessori maschili, invece, siamo fermi al 15,2%.

Indagando ulteriormente sulle tipologie di prodotto più amate, cercate e desiderate per le donne online[5], troviamo la conferma di alcuni cliché: se le borse impattano per l’8,8%, l’intimo per il 6,4%, come tutto ciò che rimanda all’abbigliamento casual e al tempo libero (anche questo al 6,4%), la categoria “moda” in genere (dagli abiti da sera e vestiti alle camicette, dalle giacche alle gonne, dai pantaloni ai tailleur e blazer) raggiunge il 13,5% ma il boom è rappresentato in maniera netta dalle scarpe per il 64,7%! Un’ossessione in comune, o quasi, con i maschi, fermi però al 47,8%, e tre volte più affascinati rispetto alle donne dal mondo casual[6] (al 16,8%).

 

Queste sono le categorie più interessanti per gli utenti online, ma oltre a capire “cosa” (e il relativo genere) idealo ha cercato di inquadrare “chi”, in effetti, ha condotto queste ricerche. Anche nel caso di prodotti riferibili all’universo maschile, infatti, si scopre che sono sempre le donne a distinguersi e a decidere. Nelle categorie in esame, infatti, le scelte delle donne pesano quasi cinque volte più di quelle degli uomini. Se possiamo prevederlo per tutto ciò che riguarda la moda strettamente al femminile (dove i loro clic raggiungono il 94,1%), stupisce invece quando si tratta di prodotti per “lui” (la scelta dipende dalle donne per il 27,1% contro il fronte maschile, al 72,9%) o del mondo “unisex” (donne al 66,8% contro uomini al 33,2%)

 

Infine idealo ha verificato anche un altro aspetto molto interessante: comparando i prezzi, e acquistando poi online, è possibile in molti casi godere di sconti in diversi momenti dell’anno, non solo in tempo di saldi. Alcuni esempi? Il periodo migliore per verificare il costo e acquistare scarpe da uomo è novembre (possibile risparmio fino al 22%); per le borse e le scarpe da donna, meglio muoversi a luglio (ribassi tra il 20 e il 30%). Gennaio sembra essere il momento migliore per la lingerie (fino al -30%)[7], mentre le tanto adorate sneakers possono arrivare a costare fino al 20% circa in meno nel mese di giugno.

 
[1] Fonte: Osservatori.net, eCommerce B2c in Italia: servono visione, coraggio e perseveranza!
[2] Per fornire il dato, idealo.it ha analizzato il numero delle intenzioni di acquisto registrate sul portale italiano dalla macro-categoria “Moda & Accessori” nel 2017, mettendolo a confronto con il dato relativo all’anno precedente. Ad oggi il settore copre quasi il 20% delle ricerche condotte dagli utenti su tutto il portale.
[3] Le percentuali relative all’utente medio per la macro-categoria in esame e le sue caratteristiche sono frutto dell’indagine fatta da idealo.it su dati rilevati tramite Google Analytics e relativi al 2017.
[4]  Le percentuali relative all’interesse geolocalizzato per la macro-categoria derivano dalle analisi fatte da idealo.it sui dati rilevati tramite Google Analytics e relativi al 2017. Ogni valore regionale è stato poi ponderato a 100.000 abitanti, per ottenere delle percentuali confrontabili tra loro correttamente, al di là del numero degli abitanti di ogni singola regione.
[5] Per avere idea degli orientamenti e delle preferenze quando si parla dei prodotti del settore al femminile, idealo.it ha analizzato il totale delle intenzioni di acquisto per le sole categorie Borse donna, Casual donna, Intimo / Accessori donna, Moda donna, Premaman, Scarpe donna e Tempo libero donna, ottenendo le percentuali relative.
[6] Per avere idea degli orientamenti e delle preferenze quando si parla dei prodotti del settore al maschile, idealo.it ha analizzato il totale delle intenzioni di acquisto per le sole categorie Casual uomo, Intimo / Accessori uomo, Moda uomo, Scarpe uomo e Tempo libero uomo, ottenendo le percentuali relative.
[7] Per calcolare il possibile risparmio online, a titolo di esempio, idealo.it ha analizzato l’andamento dei prezzi dei prodotti più desiderati dagli utenti per alcune categorie: scarpe uomo, borse e scarpe donna, biancheria intima e sneakers. In questo modo è stato possibile identificare il mese con il prezzo più basso e il relativo risparmio rispetto alla media dei prezzi mensili. Periodo: da Dicembre 2016 a Gennaio 2018.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Moda

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser a Pitti Uomo

Redazione

Pubblicato

il

Boy London presenta la nuova collezione Fall/Winter 2018/2019, durante Pitti Immagine Uomo n. 93 e sceglie come special guest la coppia nata nella casa del Grande Fratello Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, l’ex tronista di Uomini e Donne Ludovica Valli, ma anche Aida Yespica reduce dall’esperienza del Grande Fratello VipFrancesco Monte, pronto a partire per L’Isola dei FamosiAntonella Fiordelisischermitrice modella.

Boy London è un brand tutto italiano con un appeal estremamente internazionale: capi perfetti per uno street style trendy e aggressivo, caratterizzati dall’iconico logo con l’aquila, declinato in diverse forme e grafiche.

La collezione uomo propone un’estetica all’avanguardia, che arrichisce i capi basic del guardaroba maschile con dettagli e materiali innovativi.

T-shirtjoggersfelpe con e senza cappucciopantaloncini sportivi sono declinati nei toni forti del rosso, del verde, del blu senza dimenticare gli immancabili black and white, per creare total look che si fanno notare.

Il logo Boy London si presenta nella sua classica veste grafica, per uno stile essenziale ma di impatto, o rielaborato seguendo gli ultimi trend del mondo della moda: con grafiche minimal a forma di croce, inserti in tartanvellutocamouflage, stampe che si ispirano al mondo della natura e del racing.

Il capo must è il bomber lucido, con toppe e il logo Boy London riproposto su fronte e retro in diversi formati.

La collezione donna, riprende i modelli e gli stili della collezione uomo e li rielabora in chiave più femminile, con più rosa e più glitter.

I capi indispensabili sono crop topleggingspantaloni sportivi in versione bell bottom e body. Le felpe oversize d’ispirazione hip hop sono ingentilite da inserti in romantico tulle e in tessuto scozzese e il colore dell’anno, il viola, si ritrova in felpe e t-shirt arricchite da lettering gotici.

Commenti

commenti

Continua a leggere

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Lifestyleblog.it
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Classifica Musicale

Più Lette

X