Connettiti con noi

Lifestyle

Il giallo di Nicoletta Pacini ed il parere degli esperti

Bruno Bellini

Pubblicato

il

Nicoletta Pacini, per tutti Nicolina, è stata la vittima incolpevole della furia dell’ex compagno di sua madre Donatella Rago che aveva lasciato e si era trasferita in Toscana.

La donna ha raccontato che tempo fa aveva avvertito Nicolina di stare attenta perché il suo ex le aveva telefonato dicendo di averla vista in giro con la zia. “Lasci tua figlia in mano agli altri?”, le aveva detto. Mamma Donatella ha spiegato che alla sua richieste, Nicolina, aveva risposto: “Mamma, ma allora non posso più uscire?'”. “Io – ha riferito Donatella piangendo – l’avevo pregata di non uscire mai da sola”. Nicolina non poteva immaginare di che cosa sarebbe stato capace quell’uomo. In fondo con lui era sempre andata d’accordo. Era ingenua, Nicolina. Anche quando l’ex di sua madre le aveva puntato un coltello alla pancia, aveva deciso di non avere paura. E oggi la mamma ricorda con grande dolore e rimorso quell’ultima conversazione: “Le ho detto: “Allora fai come ti pare, esci, ciao” e lei mi ha risposto: “Ciao”. Sono queste le ultime parole tra mamma e figlia.

“L’omicidio di Nicolina – chiosa la criminologa Flaminia Bolzan – ci tocca non solo per la giovanissima età della vittima, ma anche per le modalità con cui l’assassino ha compiuto una vera e propria “vendetta trasversale” nei confronti di una donna con cui la relazione sentimentale era ormai giunta all’epilogo. Potremmo azzardare la definizione di un “femminicidio indiretto” ma l’intento non è quello di classificare il delitto ma quello di rilevare come e in che misura si debba arrivare a mettere in atto delle misure di prevenzione in casi oggettivamente complessi sotto il profilo relazionale”.

La criminologa Flaminia Bolzan

La criminologa Flaminia Bolzan

In effetti, come spiega l’avvocato penalista Chiara Penna “pare esistano presso il Tribunale per i Minorenni di Bari tre fascicoli che riguardano Nicolina Pacini e la sua famiglia per “difetto di accudimento” legato a motivi economici, abitativi e di aggressività dei genitori. Due fascicoli riguardano l’affidamento della minore ai servizi sociali e poi la revoca dello stesso e un terzo fascicolo di dichiarazione di incompetenza tra il tribunale per i minorenni di Firenze e quello di Bari a seguito di un trasferimento della ragazza”. Proprio la giustizia minorile toscana avrebbe disposto l’affidamento della ragazza ai nonni in Puglia.

L'avvocato penalista Chiara Penna

L’avvocato penalista Chiara Penna

Il parroco della chiesa Santa Maria Maggiore di Ischitella, don Dino, ricordando Nicolina ha detto: “Era una bambina dolcissima, educata, sempre gentile, con un viso angelico. Frequentava la parrocchia, era sempre rispettosa e anche dal modo di salutare si capiva che era buona e che voleva vivere la sua vita serenamente. Quel maledetto giorno Antonio Di Paola ha cercato Nicolina, le ha parlato, forse c’è stata una lite: poi ha preso una pistola, le ha sparato in faccia ed è scappato. Dopo le prime indagini, proprio su di lui si sono concentrate le ricerche degli inquirenti, primo sospettato di quello che si è poi rivelato un brutale omicidio. Nicolina non è morta sul colpo è spirata in ospedale dopo l’ultimo arresto cardiaco. Ma le forze dell’ordine non sono riuscite nell’intento di catturarlo ed arrestarlo: con la stessa arma con cui aveva ferito Nicoletta, Antonio si è sparato togliendosi la vita. Donatella Rago, tra le lacrime, punta il dito anche contro i nonni della piccola, i suoi genitori, ai quali era stata affidata dopo la separazione dal marito e con i quali i rapporti si erano deteriorati. Li accusa, tra l’altro, di non aver fatto vedere neppure al papà di Nicolina, Ezio Pacini l’altro figlio più piccolo. Poi aggiunge: “Dov’erano i nonni mentre mia figlia moriva? Ora denuncerò tutti, perderanno l’affido”. “Avevo chiesto ai miei figli di venire con me a Viareggio dove mi sono trasferita per lavoro, per dare loro un futuro migliore ma non hanno voluto seguirmi perché qui andavano a scuola e avevano le loro amicizie. Avevano detto che non sarebbe successo nulla”. Qualche giorno prima dell’omicidio, Donatella dichiara di aver avvisato i suoi genitori, invitandoli a stare attenti. “Qualcuno – racconta Donatella – mi ha telefonato per dirmi che era stato visto nei dintorni di casa mia”, ma “mio padre mi ha detto che era al bar con gli amici”. E poi, aggiunge Donatella, “ha chiamato il padre di Nicolina dicendogli di non farmi telefonare più”. Nicolina Pacini oggi non c’è più. La sua vita è stata distrutta, i suoi sogni sono stati cancellati dall’odio, dalla debolezza, dalla cattiveria e dalla disperazione di un uomo che pretendeva l’amore di sua madre, Donatella. In questa brutale vicenda non è stata uccisa la donna che ha rifiutato l’amore. Non è stata cancellata la vita della donna che ha abbandonato l’uomo violento. Ma questa volta si è superato ogni limite, Antonio ha ucciso la figlia della donna che non voleva più condividere la vita con lui.  Con estrema crudeltà ha ucciso una bambina che stava diventando donna con la consapevolezza che una madre muore insieme a sua figlia uccisa. Assistere alla morte di un figlio è qualcosa di innaturale. Provoca un dolere lancinante e se a uccidere è un ex compagno, per la donna e mamma che rimane la vita sarà infernale. Antonio Di Paola ha compiuto quel gesto inconcepibile negando tutti quei desideri che a 15 anni sembrano ancora possibili.

L'avvocato Cataldo Calabretta

L’avvocato Cataldo Calabretta

Il parere dell’avvocato Cataldo Calabretta

Mamma Donatella dopo la morte della sua Nicolina ha scritto su Facebook questo toccante messaggio: “Eccoti amore mio così bella solare allegra carattere forte. Con questi occhi blu più del sole e del mare, tu la mia vita, il mio sole, il mio tutto. Eravamo due sorelle e non madre e figlia. Tutti ci invidiavano amore mio, vita mia. Mi manchi tantissimo. Ora tu sei un piccolo angelo in mezzo a tanti angeli. Ci manchi amore mio, torna tra di noi ti prego”. Bando alle polemiche suscitate a seguito di questa decisione è opportuno ribadire che ognuno è libero di vivere il dolore come vuole e in quest’era social Donatella Rago la rabbia l’ha voluta “urlare” attraverso la tastiera e divulgarla con i suoi post. La sua disperazione è palpabile: centinaia di commenti sono stati scritti sotto il post in cui condivideva l’articolo del ritrovamento, senza vita, del suo ex. Ma i commenti non sono soltanto di ira contro l’assassino di una povera ragazzina, ma anche e soprattutto contro la stessa Donatella, imputata “di aver fatto entrare un assassino in casa” o addirittura proprio per aver aggiornato il suo profilo Facebook sulla questione. “Signora mia, pensi di più ai suoi figli e meno a scrivere frasi adolescenziali. Se i suoi figli erano in pericolo per qualsiasi motivo, ci doveva pensare lei a proteggerli. Facile vivere in altra regione e accusare gli altri”, si legge. Facebook come una qualsiasi altra piazza virtuale raccoglie ricordi e aspirazioni. Mamma Donatella ha scelto di sfogare qui la sua disperazione suscitando comprensione ma anche messaggi feroci. “L’unica mia colpa è stata quella di lasciarla in mani sbagliate”, commenta. La donna ha raccontato di avere più volte messo in guardia anche i suoi genitori dal rischio che l’uomo facesse del male alla ragazza. E’arrivata a Foggia in compagnia del padre di Nicolina, Ezio, che fa il custode di bagni pubblici a Viareggio: entrambi ammutoliti dal dolore, si sono trattenuti pochi minuti a piangere sul corpo della figlia. Il ministero della Giustizia approfondirà la questione per verificare, ha detto il ministro Andrea Orlando, se “ci sia stata sufficiente attenzione nella fase in cui si poteva intervenire preventivamente!. Quello che emerge finora, tra il detto e non detto dei parenti e le accuse che rimbalzano, è che la tragedia è nata in una situazione di disagio sociale e di disgregazione familiare. E che a farne le spese è stata la parte più vulnerabile. La verità, spiega il presidente del tribunale per i minori di Bari, Riccardo Greco, che negli anni ha seguito la vicenda familiare della 15enne, “è che la vera difficoltà nel dare risposte certe a casi come questo è l’individuazione del livello di pericolosità. Questa ragazza è morta per una concatenazione di situazioni non prevedibili, se non che la mamma avesse una relazione con un convivente di questo genere”. Una imprevedibilità confermata da uno dei cugini di Donatella Rago, che racconta in lacrime: “Tutti in paese sapevano che lui aveva in mente qualcosa, che non accettava questa situazione, ma non si può stare nella testa delle persone, chi poteva immaginare una cosa del genere”. Il potere repressivo può agire con tempestività solo se vi sono i presupposti. Tutto ciò per dire quanto, laddove esistono situazioni familiari complesse, bisognerebbe prestare più attenzione e non essendoci strumenti d’intervento diviene necessario se non addirittura indispensabile creare degli strumenti nuovi a sostegno e a tutela di tutti gli individui.

L'intervento di Cataldo Calabretta sulla vicenda della povera Nicolina durante la trasmissione di Raiuno Storie Italiane condotta da Eleonora Daniele

L’intervento di Cataldo Calabretta sulla vicenda della povera Nicolina durante la trasmissione di Raiuno Storie Italiane condotta da Eleonora Daniele

Commenti

commenti

Direttore Responsabile Lifestyleblog.it – Classe ’81, da Monopoli (Bari). Fondatore e direttore della testata online Lifestyleblog.it, collabora anche per riviste nazionali e locali. Web & Graphic Designer con la specializzazione in Grafica 3D conseguita a Verona. Vincitore del Premio Filottete 2015 che ogni anno premia le eccellenze italiane nell’ambito dello spettacolo e del giornalismo

Lifestyle

Chef Rubio apre oggi il suo nuovo negozio on-line

Redazione

Pubblicato

il

Chef Rubio apre oggi il suo nuovo negozio on-line con un’esclusiva limited edition di grembiuli da cucina

Chef Rubio apre, sul suo sito ufficiale, una nuova sezione per gli acquisti online. A partire da oggi, lunedì 11 dicembre 2017, l’utente può effettuare ordini via web e ricevere i propri acquisti a marchio Chef Rubio direttamente a casa.

Rubio decide di compiere il suo ingresso nel mondo dell’e-commerce con un’edizione limitata (solo 2000 pezzi) di un oggetto unico ed esclusivo pensato per i suoi fan, con tanto di stampa della sua dedica autografata. Un modo per celebrare le festività in corso e augurare al pubblico più affezionato un 2018 appetitoso, secondo lo stile non-convenzionale del cuoco. Il primo prodotto in vendita è un grembiule da cucina semplice, pratico, in color calce, con la riproduzione stampata dell’autografo originale di Chef Rubio e l’illustrazione creata per lui dal designer Filippo Protasoni, che iconizza con stile l’eclettica personalità dello Chef (costo 25 euro + spese di spedizione).

Nei prossimi mesi l’e-shop si arricchirà di nuovi prodotti. L’intenzione è quella di poter creare una galleria di oggetti per la vendita che siano iconici e rappresentino la filosofia e i valori del marchio Chef Rubiocucina, viaggi, impegno sociale, ironia e spirito goliardico. Si proverà a mettere in produzione nuove ma anche idee già sviluppate negli anni, creando possibili collaborazioni con piccoli produttori locali ed etici, per delle limited edition a supporto delle realtà più svantaggiate. Dalle magliette agli zaini, dalle tazze alle agendine e altro ancora, Rubio riserverà delle autentiche ‘chicche’ con dei concept grafici originali pensati anche dall’eclettico Chef per i suoi fan e cultori, che possono comprarli per sé o destinarli in dono. Con questo nuovo progetto di merchandising, il brand Chef Rubio vuole consolidare e ampliare il legame con la numerosa community nazionale e internazionale per condividerne i valori di riferimento attraverso le opportunità di diffusione dell’online.

La nuova sezione per gli acquisti sul sito di Rubio è realizzata e gestita in outsourcing dalla società Kynetos. Il layout grafico della piattaforma e-commerce è minimale, intuitivo e coordinato con l’immagine del sito chefrubio.it. La navigazione per il momento è mono-prodotto, ma successivamente si articolerà con più oggetti e/o categorie con relative schede e immagini per una navigazione rapida che consenta l’acquisto in pochi click.

L’e-shop di Chef Rubio è realizzato con standard HTML5 e con design responsive che si adatta a qualsiasi dispositivo mobile: Android, iOS (iPhone e iPad) e Windows Mobile.

L’e-shop è attivo in Italia ma verrà presto esteso a molti paesi nel mondo.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Lifestyle

Food Delivery: anche il benessere vuole la sua parte

Redazione

Pubblicato

il

La voglia di benessere, già molto diffusa, è in continua crescita: che sia un trattamento viso dall’estetista, le lezioni di pilates in palestra, o una cena al ristorante in più alla settimana, ciò che è evidente è che le persone, prima di tutto, vogliono stare bene. L’Italia è uno dei paesi in cui si registra la più alta crescita nel settore del benessere in Europa.

Foto Pexels

L’alimentazione

Ovviamente la parte del leone la fa l’alimentazione, o per meglio dire la nutrizione. È​ particolarmente importante evidenziare questa differenza poiché al giorno d’oggi viviamo in una società iper-alimentata ma ipo-nutrita. Molti studiosi ritengono che la salute di una persona, laddove non ci siano complicazioni genetiche, dipende per l’80% dalla nutrizione e per il 20% dall’attività fisica. È forse effettivamente vero quello che si sente spesso dire: siamo quello che mangiamo.

Dagli studi dell’organizzazione mondiale per la salute risulta che ben 7 disturbi su 10 derivano proprio da una errata o insufficiente nutrizione. Gli studi hanno individuato due cause principali: una esterna ed una interna. Per quella esterna, purtroppo, non possiamo fare granché: si tratta infatti della mancanza di nutrienti presenti nella maggior parte dei cibo che troviamo sugli scaffali dei supermercati.

Nel caso della frutta e della verdura, le metodologie oggi utilizzate per la coltivazione su larga scala portano spesso alla raccolta anticipata per motivi logistici, il che non permette ai prodotti di arrivare alla corretta maturazione. Questo ha degli effetti estremamente negativi sulla qualità dei cibo che arriva sulle nostre tavole, un esempio su tutti è il caso delle mele: ci vogliono 7 mele del giorno d’oggi per avere gli stessi nutrienti di una mela di 20 anni fa.

Anche gli allevamenti hanno subito una profonda trasformazione e l’intensività richiesta dalla produzione di massa ha portato a una diminuzione degli spazi disponibili per gli animali, sempre più spesso sono stipati in spazi angusti, e all’utilizzo di mangimi non naturali. Tutto ciò ha un impatto molto grave sulla qualità delle carni o dei prodotti di derivazione animale.

La seconda causa, invece, è come ci nutriamo noi, ma per fortuna questa è una nostra responsabilità ed è qui che possiamo intervenire e fare la differenza.

 

Come ci nutriamo?

Il nostro organismo ha bisogno di macro nutrienti come le proteine, i grassi buoni e i carboidrati e anche di micro nutrienti come minerali e vitamine.

Foto Pexels

Per ottenere ciò dobbiamo osservare un regime alimentare sano ed equilibrato, accompagnato da un’assunzione costante di liquidi. Uno dei più grandi nemici dell’alimentazione moderna è il tempo: sempre di corsa tra una riunione e l’altra, come possiamo evitare la tentazione dei fast food, panini, tramezzini e simili?

Le consegne a domicilio

Il settore delle consegne a domicilio ha subito una profonda trasformazione negli ultimi anni, e la crescita ha portato al miglioramento non solo del servizio in sè, ma anche della qualità dei cibi consegnati: sempre più ristoranti si sono attrezzati e ora la scelta di piatti da ordinare è diventata molto più ampia. Oltre a essere sempre più tempestivi nelle consegne, a trasportare cibo mantenendo la giusta temperatura, ad avere prezzi competitivi, le aziende riescono a distribuire cibo di qualità, la stessa che troviamo nei ristoranti o nei nostri locali preferiti.

Non abbiamo più alcuna scusa: anche se non abbiamo tempo o voglia di cucinare non siamo più costretti a ricorrere a pranzi o cene frettolose, basterà prenotare una mezz’oretta prima e avremo dei piatti di qualità direttamente a casa o in ufficio.

Foto Pexels

Commenti

commenti

Continua a leggere

Libri

Esce oggi “SBAM!”, il libro di Jovanotti

Redazione

Pubblicato

il

SBAM! è un pezzo del nuovo album OH, VITA! prodotto da Rick Rubin, una grande avventura umana e musicale. SBAM! è l’improvviso convergere di infinite linee in un nuovo big bang, un po’ più big e un po’ più bang. SBAM! è questo libro, che è anche una raccolta di racconti e visioni di autori di diversi mondi. SBAM! contiene un lungo diario di lavorazione del disco nuovo di Lorenzo “Jova”, 80 pagine di avventure ai confini della realtà. SBAM! potrebbe essere il numero di una nuova rivista che mentre tutto è digitale e il mondo è una timeline, lei è di più, è SBAM!

SBAM! è la nuova grande idea artistica di Lorenzo Jovanotti, mai vista fino a ora nel mondo dell’editoria, e che magari segnerà una nuova via evolutiva fra il libro, la rivista e chissà cos’altro. SBAM! è il diario musicale e personale di Lorenzo, scritto durante la lavorazione del nuovo album OH, VITA!, a cui si aggiungono, intrecciandosi, immagini, voci, idee di grandi scrittori, artisti e musicisti italiani e stranieri, con contributi per la maggior parte inediti. Al suo interno è possibile trovare inoltre tutti i testi delle canzoni dell’album OH, VITA!. Gli autori presenti nel libro sono: Andrea Bajani, Franco Cava, Giovanni Soldini, Davide Toffolo, Michele Lupi, Bombino, Vasco Brondi, Paolo Benanti, Francesca Valiani, Federico Taddia, Mariangela Gualtieri, Sergio Ramazzotti, Dave Eggers, Zadie Smith, Vasilij Grossman, Piero Negri, Gabriel García Márquez, Telmo Pievani, Donatella Di Pietrantonio, Paolo Baldini, Iacopo Barison, Emma Rathbone.

Jovanotti, SBAM! , 180 pagine, 18 euro.

Commenti

commenti

Continua a leggere

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Lifestyleblog.it
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Classifica Musicale

Più Lette

X