Connettiti con noi

Moda

Puma presenta la tecnologia Netfit

Redazione

Pubblicato

il

PUMA continua, come da tradizione, a focalizzarsi costantemente sullo sviluppo di prodotti innovativi, in grado di ridefinire le regole del mondo performance e lifestyle. Per questo oggi è orgogliosa di presentare la nuova tecnologia NETFIT, un innovativo sistema di allacciatura personalizzabile che offre infinite opzioni di stile e calzata in un’unica scarpa.
L’innovativo Lacing System NETFIT è stato lanciato ufficialmente ieri sera con un party esclusivo a New York City, al quale hanno partecipato alcuni dei più importanti Ambassadors di PUMA tra cui Usain Bolt, le ballerine del New York City Ballet, il cantante e produttore discografico Yandel, il calciatore inglese e attaccante dei New York Red Bulls Bradley Wright-Phillips, la football freestyler e street player parigina Lisa Zimouche e lo street football player ed entertainer Jeand Doest aka Easy Man.
Durante la serata tutti gli ospiti presenti hanno potuto personalizzare le proprie sneakers all’interno dello speciale NETFIT Lacing Lab e conoscere così le peculiarità della nuova tecnologia NETFIT che permette di adattare le scarpe allacciandole nella maniera che più si adatta all’anatomia del piede, per una tenuta più comoda e sicura.
I designer di PUMA hanno sviluppato cinque diverse opzioni di lacing realizzabili con le due paia di stringhe fornite in dotazione per ogni modello, ma le possibilità risultano infinite. I 5 sistemi di allacciatura studiati dagli ingeneri del Global Sports Brand sono stati pensati per soddisfare le esigenze di stabilità, sostegno del tallone, calzata con pianta larga, calzata con pianta stretta e calzata standard.
Dalla pista, alla palestra, alla strada, la tecnologia NETFIT sarà integrata in numerose calzature performance e lifestyle di PUMA offrendo così un’allacciatura completamente personalizzabile alle diverse tipologie di esigenze.
Le due novità principali riguardano il mondo del Running con l’introduzione di due modelli per uomo e donna caratterizzati dalla tecnologia NETFIT e dalla tomaia in evoKNIT:
La prima a debuttare in store è la Speed IGNITE NETFIT che grazie all’intersuola a doppio strato realizzata con l’innovativa tecnologia IGNITE PU foam, assicura un eccezionale ritorno energetico e un comfort superiori. Il tallone, creato con il rivoluzionario PUMA EverTrack+ , un composto in gomma più leggero del 43% , assicura ammonizzazione e durata. La Propulsion Zone nella parte anteriore della suola dà una spinta in
avanti, assicurando uno stacco potente e agile che aumenta la lunghezza e la velocità del passo.
Arriverà in store a giugno la IGNITE NETFIT, modello di punta della collezione Running, che presenta una struttura di rinforzo sul tallone che garantisce sostegno e stabilità mentre la soletta interna Moulded EVA e la suola esterna in gomma EverTrack, le conferiscono delle qualità uniche di trazione e flessibilità.
I top atleti di PUMA, tra cui l’uomo più veloce al mondo, Usain Bolt, indosseranno scarpe con tecnologia NETFIT in preparazione dei Mondiali di Londra 2017. “Mi sto allenando molto, quasi troppo in questo periodo. Sto lavorando tanto di potenza, combinando anche diversi esercizi di velocità e agilità e per questo è importante indossare una scarpa flessibile che si adatti alle diverse tipologie di esercizio” ha sottolineato Bolt.
“La caratteristica migliore della tecnologia NETFIT è che è completamente personalizzabile. Mi permette di modificarne l’allacciatura a seconda delle esigenze, senza rinunciare alla creatività.”
Adam Petrick, Global Marketing Director di PUMA, ha dichiarato: “Il nostro obiettivo è quello di spingerci costantemente oltre i confini del design progettando, in ​​modo unico ed innovativo, prodotti performance originali e oggi con il lancio di NETFIT vogliamo dimostrarlo ancora. La tecnologia NETFIT, oltre ad offrire alte prestazioni, consente agli atleti di ogni livello e sport di poter scegliere la propria forma ideale ed esprimere la propria creatività personalizzando la scarpa con lacci di diversi colori, larghezze, lunghezze e stili. Con NETFIT abbiamo voluto portare moda e stile nel mondo dello Sport con il tocco unico di PUMA.”
La tecnologia NETFIT sarà disponibile su una vasta gamma di prodotti Performance e Lifestyle a partire da oggi.

Commenti

commenti

Moda

Federica Nargi presenta la sua prima capsule collection di beachwear

Redazione

Pubblicato

il

I Am Bikini, il brand di beachwear totalmente made in Italy, che unisce stile contemporaneo e massima qualità sartoriale, ha presentato le novità per la collezione spring/summer 2018.

Fiore all’occhiello, è la capsule collection disegnata da Federica Nargi, che per la prima volta si cimenta interpretando alla perfezione i capi, anche in veste di testimonial del brand. Il risultato è un sorprendente mix di colore, stile, per pezzi che brilleranno sulle spiagge più trendy.

I Modelli

I modelli della capsule sono sette: sette come le diverse emozioni a cui Federica si è ispirata mentre li disegnava, sette come gli aggettivi che più rappresentano l’animo della neo stilista.

FunnySparklyFriendlyHappySweetItalian e Sunny, sono i nomi dei costumi, dal design fresco e accattivante.

Funny è giocoso, sexy ma ironico allo stesso tempo, con un classico triangolo decorato da un pattern geometrico nei toni del verde e del rosa, colore ripreso per i laccetti, per un contrasto fluo che cattura lo sguardo; Sparkly è una vivace rielaborazione del modello a monospalla, con slip classico, top da allacciare dietro la schiena e una stampa a micro-quadretti in bianco e nero, per un tocco di classe e lucentezza; Friendly, disponibile nelle varianti bianco, rame e nero, è il migliore amico di ogni donna, un costume che con le sue forme essenziali si adatta a ogni silhoeutte ed è perfetto da indossare insieme alle amiche. Happy fa brillare le emozioni ed è un bikini a triangolo con inserti metallizzati in oro, verde e bianco, su una base monocromo a contrasto; ha uno stile simile ma più semplice il fresco Sunny, un triangolo che gioca sulle contrapposizioni di colore, disponibile in rame/bianco, rosa/bianco rame/nero; il modello più dolce è Sweet, un costume a triangolo in bianco e nero, reso vezzoso da una decorazione di pizzo sul top; infine deliziosamente vintage è Italian, con top strapless e slip a vita alta, nelle varianti rosa tulipano, nero e bianco.

L’essenza della capsule, è ispirare un senso di libertà, la libertà dell’estate, del mare, ma soprattutto la libertà di essere se stesse, in ogni occasione.

Parlando della sua collezione Federica Nargi ha detto:

«Quando ho ricevuto la proposta da parte di Amedeo Di Martino e Mario Borgonuovo, ero contentissima. Ho sempre desiderato disegnare il mio costume ideale e così mi sono messa in gioco tirando fuori le mie sette anime. È un regalo per tutte le ragazze che amano giocare e comunicare con la moda».

Commenti

commenti

Continua a leggere

Eventi

A Napoli sbarca “Digital Fashion”: si parla di moda digitale

Redazione

Pubblicato

il

Moda digitale, se ne parla a Napoli

Moda digitale: tradizione ed innovazione insieme. Se ne parlerà a Napoli, giovedì 26 ottobre, alle ore 9:30, nel suggestivo Archivio Storico del Banco di Napoli. Grandi nomi della moda per il convegno “Digital Fashion: innovazione tecnologica e tradizione di eccellenza nel fashion”, organizzato da Sistemi Assyst srl, Human Solutions Group.

Le tradizioni italiane di eccellenza nel mondo, prestigiosi brand come Max Mara, Yamamay, Manifatture Tessili Vittoria, per approfondire il tema dell’interazione del fashion con le nuove tecnologie. Un confronto sulle diverse prospettive  dell’innovazione digitale nei processi produttivi: dall’idea del prodotto, alla produzione, fino allo shop del futuro. Simulazioni di capi in 3D, body scanner, taglio digitale, bodyprofiling: è la moda dell’avanguardia

Una giornata di dibattito, condotta da Rossella Liguori, giornalista de “Il Mattino”, che vedrà diversi relatori sulla scia del “Digital is Now”, utilizzato Peter Stampfli, amministratore delegato Sistemi Assyst srl.

Ad aprire i lavori sarà Gianfranco Colella, sales area manager centro-sud Italia Assyst, a seguire Sergio Riolo, direttore de “ilCartastorie” Museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli, parlerà di “Archivio del banco di Napoli: una storia lunga 500 anni”. Si entrerà, poi, nel cuore del convengo, con Peter Stampfli, amministratore delegato Assyst, con “Digital is now: dal digital design allo show room digitale”. Alberto Coccetta, Temporary Manager, parlerà di “Plm nell’era digitale: la soluzione per ogni azienda”; Barbara Commino, Head of R&D, quality and basic products Inticom Spa, approfondirà il tema “Yamamay: cuore napoletano e prospettive digitali”; Luca Salvatori, sales director, Assyst tratterà “Bodyprofiling: la taglia giusta nello shop online. E ancora “Sostituire il Cad: follia o realtà? L’esperienza Benetton” con Renato Lista, responsabile R&D Olimpias Gruppo Benetton; Rino Rotolo, Max Mara Fashion Group, per “Macro funzioni Cad per aumentare l’efficienza modellistica. L’esperienza Max Mara”; Pasquale Cavaliere, amministratore delegato Sartoria Cavaliere con “L’arte sartoriale napoletana. L’esperienza di Sartoria Cavaliere”; Angelo Vittoria, parlerà di “Manifatture Tessili Vittoria: l’eccellenza del lino nel mondo”; Emanuela De Simone, Accademia di moda e design di Maria Mauro con “L’importanza della formazione per i nuovi addetti del digital fashion”. Nel corso della giornata ci saranno simulazioni di capi in 3D a cura di Luna Vivaldi, specialist 3D di Assyst.  Alla chiusura in momento affascinante con la visita guidata teatralizzata dell’Archivio.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Interviste

Giovanni Ciacci e il suo nuovo libro “Barba e Baffi”

Bruno Bellini

Pubblicato

il

Giovanni Ciacci

Come nasce l’idea di questo libro?

Nasce perché, guardandomi intorno, vedevo solo barbuti. Sono circondato anche da donne barbute, che è un altro genere. Pertanto mi sono chiesto: “Perché non fare un libro sulla barba?”. Ma non vedendolo dal punto di vista del tutorial e su come fare, su come tenerla. Mi interessava sapere la storia della barba. Questo libro è pieno di storia della barba: dagli antichi greci fino agli hipster moderni. Ma anche un viaggio nella storia dell’arte, attraverso i quadri di Caravaggio, passando per cinema, televisione, moda…

Come sta andando il libro?

Sono contento di come sta andando il libro. Non mi aspettavo una stampa così accogliente e che venisse accettato. C’era bisogno di fare qualcosa sulla barba: tutti la portiamo ma nessuno la conosce fino in fondo. E’ bello conoscere storicamente cosa indossiamo.

Barba e baffi, un trend tornato in voga negli ultimi anni: come mai?

Perché sono stati gli hipster ad averla rilanciata e loro vanno di moda. La barba è l’unico vezzo che possono avere gli uomini in confronto a una donna

Quanto durerà, secondo te, questa tendenza?

Almeno due – tre anni. Però sta prendendo piede anche la moda dei baffi: tra i giovani la nuova tendenza. Infatti il libro si chiama “Barba e baffi”.

C’è un personaggio dello spettacolo che sogni di vedere in barba o sbarbato ?

Vorrei vedere la barba di Stefano De Martino ma non quella in faccia… E poi vedere Carlo Conti barbuto è il mio sogno. Sbarbato? Flavio Insinna, non mi piace con la barba troppo lunga

Ti ammiriamo in TV come esperto di immagine: quale il segreto per essere perfetti?

Guardarsi allo specchio.

Detto fatto, questa nuova opera: quali i prossimi progetti professionali di Giovanni Ciacci?

Il 4 novembre farò il provino per “Ballando con le stelle”. Sono preoccupato perché non so ballare ma anche perché mi giudicheranno Carolin Smith e Milly Carlucci. Ma il ballo non deve avere confini né sessuali né di peso né di età né di razza né di colore. Il ballo è libertà per cui farò del mio meglio e proverò a ballare come dice il cuore. Dovrò esibirmi con un uomo e per la prima volta qualcuno si esibirà con un uomo: vedremo cosa succede.

Grande Fratello e barba… 

Jeremias Rodriguez sta bene con la barba. Vorrei vedere vedere anche Malgioglio con la barba, così vediamo in tv la donna barbuta.

Tu e Malgioglio siete legati da una lunga amicizia. Era circolata la notizia di un tuo ingresso al Grande Fratello proprio a suo sostegno…

Non dentro la casa ma in studio. Non avrei mai pensato di poter dire che mi manca molto Malgioglio a Milano. E’ un compagno di drink e aperitivo, ma siamo entrambi astemi. E’ molto divertente, lui beve succo di frutta e io spremuta di ananas.

Cosa vorresti fare di nuovo in tv?

Il Bagaglino, ma come soubrette.

Commenti

commenti

Continua a leggere

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Lifestyleblog.it
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Classifica Musicale

Più Lette

X