Connettiti con noi

Lifestyle

10 cose da fare (e da NON fare) se sei stata invitata a un matrimonio

Bruno Bellini

Pubblicato

il

Latophotography
Latophotography

Sei stata invitata a un matrimonio? Non di solo scelta dell’outfit vive un’amica della sposa! Oggi lasciamo la parola alla redazione di Zankyou.it che ci da qualche dritta per essere un’invitata 10 e lode.

Credits: Matrimoni all’Italiana

Credits: Matrimoni all’Italiana

  1. RSVP

La sigla, di cui sopra, si traduce in Respondez s’il vous plates, cioè grossomodo “rispondete al più presto”. Ora, se ve l’hanno mandata è perché dirla a Nonna Vincenza non sarebbe bastata come conferma da far arrivare agli sposi, non credete?

 

  1. Puntualità

Essendo la sposa l’ultima persona ad arrivare, sarà necessario pianificare di essere presenti almeno una trentina di minuti prima dell’inizio della cerimonia, almeno se si vuole seguire l’etichetta del caso. Ma siccome la vita è fatta di innumerevoli imprevisti – traffico, babysitter in ritardo, gas acceso – il piano B è aspettare che finisca tutto, vedere alzarsi gli ospiti presenti e finalmente partecipare ai festeggiamenti.

 

  1. Dress code

Già sapere se si richiede abbigliamento formale o casual è tendenzialmente sufficiente. Poi c’è anche il buonsenso. A questo proposito, non importano le linee guida della moda del giorno, per le calzature quello che conta è il posto della festa. Meglio essere meno stilosi, ma evitare di affondare con i tacchi nella sabbia, o peggio, nel fango.

 

  1. Discrezione

Fare foto è il modo più straordinariamente veloce per ritrarre i ricordi, per cui in questo mondo 2.0 non vi diremmo mai di non farne. Solo un appunto, però, avere un dispositivo in grado di connettersi a internet non significa dover postare sui social le foto del matrimonio. Peraltro spesso gli sposi ormai includono la possibilità di partecipare con foto e annotazioni al loro personalissimo blog dell’evento. Con Zankyou, per esempio, creare il proprio sito web è facilissimo, personalizzabile totalmente e gratuito al 100%.

Foto Barbara Zanon

Foto Barbara Zanon

  1. Benedizione

Non sempre, ma alcune coppie chiedono a qualcuno tra gli invitati di dire qualcosa per benedire la loro unione. Qualcosa che può improvvisamente imbalsamare anche le tipologie più estroverse. Il consiglio e raccontare una storia, il più breve possibile, che trasmetta un messaggio buffo, romantico, gentile, insomma bello per gli sposi  e adatto a celebrare il momento.

 

  1. Responsabilmente

Generalmente è associato al bere, ma in questa sede non vi diremo di smettere di bere solo quando avrete le lucine intermittenti dell’ambulanza negli occhi, perché sapete già tutto il necessario. No, qui parliamo del comportamento. È evidente che si è sposata una persona cara e festeggiarla con entusiasmo sincero è quanto di più bello ci possa essere, ma forse avreste potuto mostrarne un po’ meno e non rompere a metà uno dei tavoli della sala da pranzo mentre ci ballavate sopra la macarena.

 

  1. Regali

Per evitare che gli sposi passino la prima notte di nozze a portare in casa le decine di scatole ricevute in regalo, potreste contribuire chiedendo al negozio che gestisce la lista nozze di spedire il vostro pensiero direttamente all’indirizzo della coppia. Questo quando non è stata effettuata una lista nozze. Zankyou è la lista nozze più usata al mondo e crearne una è facilissimo. Inoltre consentirete agli sposi di ricevere senza trattenute l’importo versato e di poterlo spendere come e quando vorranno in totale autonomia.

 

  1. Informazioni

Ponendo per assurdo che non l’abbiate fatto prima e vi siate ridotti proprio a ridosso dell’evento per chiedere informazioni del caso, abbiate almeno il pensiero di non aggiungere la vostra telefonata alle cose di cui dovranno occuparsi gli sposi.

 

  1. RSVP (2)

Avete detto che non potete vero? Ok, nessun problema. Ma dire che non potrete esserci e poi presentarvi alla festa per essere riuscite a liberarvi all’ultimo momento potrebbe non essere la migliore delle idee.

 

  1. Solidarietà

La felicità è una cosa bellissima e sentirsi parte della felicità di qualcuno al punto di sentirla come propria altrettanto. L’ultimo consiglio è però di evitare di indossare il proprio abito nuziale per solidarizzare ancora di più con la sposa.

Credits: Antonio De Marco

Credits: Antonio De Marco

 

Credits:

Latophotography

Barbara Zanon

Antonio de Marco

Matrimoni all’Italiana

Commenti

commenti

Direttore Responsabile Lifestyleblog.it – Classe ’81, da Monopoli (Bari). Fondatore e direttore della testata online Lifestyleblog.it, collabora anche per riviste nazionali e locali. Web & Graphic Designer con la specializzazione in Grafica 3D conseguita a Verona. Vincitore del Premio Filottete 2015 che ogni anno premia le eccellenze italiane nell’ambito dello spettacolo e del giornalismo

Eventi

#EVERYCHILDISMYCHILD Storie vere e magiche di piccola, grande felicità

Redazione

Pubblicato

il

Trentatré celebri artisti italiani sono tornati bambini per raccontare storie fatte di immaginazione e ricordi d’infanzia

Arriva in libreria, dal 13 novembre, #EVERYCHILDISMYCHILD Storie vere e magiche di piccola, grande felicità, inedita selezione di storie raccontate da trentatré protagonisti del mondo dello spettacolo italiano che hanno deciso di tornare bambini per parlare di felicità e raccogliere fondi da devolvere attraverso l’associazione #everychildismychild alla Onlus “Insieme si può fare” e ricostruire la Plaster School, un centro educativo e rieducativo elementare per i bambini profughi al confine tra Siria e Turchia. 

Maria Francesca Quattrone, legale dell’associazione Every child is my child con l'avvocato Cataldo Calabretta

Maria Francesca Quattrone, legale dell’associazione Every child is my child con l’avvocato Cataldo Calabretta

 

Si tratta di un libro destinato ai bambini e ai ragazzi ma anche ai loro genitori e nonni, un dono pieno di gioia per tutta la famiglia a cui hanno partecipato: Niccolò Agliardi, Luca ArgenteroClaudio BisioMarco BoniniAndrea BoscaLorena CacciatorePaolo CalabresiGiorgia CardaciAlessandro Cattelan, Martina Colombari, Lodovica ComelloPaola Cortellesi, Simone CristicchiValentina D’AgostinoFedezDonatella Finocchiaro, Diane Fleri, Anna Foglietta, Giorgia, Lino Guanciale, Jax, La PinaEdoardo LeoVinicio MarchioniPaola MinaccioniGabriella PessionLillo PetroloViolante PlacidoVittoria PucciniSaturninoDaniele SilvestriSofia ViscardiLuca Zingaretti.

 

#everychildismychild è un pensiero che nasce dall’esigenza, forte, di mettere a servizio dei bambini che soffrono, la nostra piccola o grande notorietà – ha spiegato Anna Foglietta, presidente dell’associazione – Raccogliere fondi da destinare di volta in volta a progetti che si occupano della tutela dei minori, è in cima alla lista dei nostri pensieri, ma anche sensibilizzare le persone per creare una società dove il messaggio del ‘fare del bene’ diventi un inno comune e da quello ripartire per riscoprire l’umanità che è dentro ognuno di noi. Oggi ci occupiamo dei bambini siriani, ma ci sono tante, troppe zone d’ombra, dove l’infanzia non è protetta, ed i bambini lottano quotidianamente contro i mostri della guerra, della fame, della malnutrizione e della povertà educativa. #everychildismychild sarà sempre al fianco di chi soffre davvero”. Perché ogni bambino ha diritto a essere felice, perché solo con la felicità, il gioco e la fantasia si può sconfiggere la brutalità della guerra.

 

Sempre trentatré sono gli illustratori che hanno reso in immagini le parole magiche degli artisti, realizzando una tavola a colori per ciascuna storia: Allegra Agliardi, Cristina Amodeo, Paolo Bacileri, Alice Beniero, Elenia Beretta, Peppo Bianchessi, Julia Binfield, Anna Laura Cantone, Ivan Canu, Zosia Dzierzawska, Camilla Falsini, Costanza Favero, Michele Ferri, Desideria Guicciardini, Deborah Guidi, Silvia Idili, Spider, Simona Mulazzani, Fabian Negrin, Giulia Orecchia, Giuseppe Orlando, Sonia Maria Luce Possentini, Claudio Prati, Serena Riglietti, Paola Rollo, Guido Scarabottolo, Teresa Sdralevich, Silver, Gaia Stella, Daniela Tieni, Linda Toigo, Arianna Vairo, Olimpia Zagnoli.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Eventi

4 zampe finalmente in corsia

Pubblicato

il

Un evento di beneficenza da non perdere lunedì 20 novembre  dalle ore 19.00 presso il Swiss Corner in Piazza Cavour a Milano su un tema molto delicato: la possibilità da parte degli animali domestici di fare visita ai propri padroni in caso di lunga degenza ospedaliera.

I pelosetti a 4 zampe infatti da oggi potranno far visita ai loro padroni grazie all’associazione onlus “Amo gli animali“, che ha sostenuto l’approvazione di una legge da parte della Regione Lombardia, resa possibile grazie all’Assessore Regionale alla Sanità Giulio Gallera, nel territorio regionale cani e gatti saranno ammessi nei nosocomi per rendere la degenza dei malati più serena.

Per promuovere questa iniziativa diffondendo la sensibilizzazione su questo tema, è stato girato uno spot un esempio che i responsabili di “Amo gli animali” si augurano possa essere presto imitato da tutte le altre Regioni italiane: “Lo spot, infatti  si propone di informare il pubblico sul fatto che la Regione Lombardia ha approvato una legge che permette ai pazienti ricoverati in ospedale di ricevere la visita dei loro animali domestici. Coloro che hanno degenze lunghe (anziani, malati cronici, bambini ecc.) potranno così beneficiare dell’affetto dei loro fedeli compagni – spiegano – La legge regionale vuole aiutare a superare sconforto e solitudine che spesso accompagnano le lunghe e noiose permanenze nei nosocomi, nonostante gli sforzi, le attenzioni e le cure dei parenti e del personale sanitario”.

Lo spot è patrocinato dalla Regione Lombardia con la regia di Edoardo Stoppa, interpretato da Gabriele Cirilli, Titti Quaggia, la paziente-attrice Lavinia Reda e la bravissima cagnolina Luna. Le musiche sono della straordinaria Ivana Spagna.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Interviste

Pinuccio presenta il suo libro Trumpadvisor (VIDEO)

Bruno Bellini

Pubblicato

il

Pinuccio, nome d’arte di Alessio Giannone, noto al pubblico del web per le sue telefonate improbabili e inviato di “Striscia la Notizia” per il Centro e Sud Italia,  presenta un libro molto divertente e originale. Il titolo è TrumpAdvisor, Donald e Pinuccio in viaggio per il Sud Italia, (Mondadori) .

TrumpAdvisor è il racconto surreale di un rocambolesco viaggio che il faccendiere Pinuccio, protagonista di questa storia, fa in compagnia del Presidente degli USA, Trump, di sua moglie Melania, e del fido aiutante Sabino, attraverso la Puglia e la Calabria a bordo di una “fiammante” Fiat Ritmo.

I quattro scorrazzano dal Foggiano al Salento fra le mille bellezze e le innumerevoli contraddizioni di una regione che diventa simbolo delle assurdità dell’Italia. Ma i nostri due turisti non se ne accorgono. Di fronte al loro sguardo tutto assume un sapore e un colore che è quello dell’unicità della nostra nazione. Proprio in questo si può riconoscere il sottile e divertente gioco che Pinuccio autore mette in atto per farci sorridere da un lato ma anche per farci svegliare dall’altro.

Durante il percorso sono tanti i personaggi che si uniscono a questa strana compagnia di visitatori, tutti rigorosamente importanti e all’altezza della situazione. Del mondo politico ci sono Rosy Bindi, Di Battista, Emiliano, Alfano, Nichi Vendola, Salvini. Per lo spettacolo, Barbara d’Urso, Maria De Filippi e Al Bano. Nel giornalismo, Enrico Mentana e Marco Travaglio. Partecipano a sagre, feste religiose e cerimonie nunziali, senza farsi mancare proprio nulla.

Come nasce l’idea di TrumpAdvisor?

L’idea nasce quest’estate quando si paventava l’arrivo di Trump in Puglia per un matrimonio. Con Mondadori si è pensato di scrivere questo viaggio, che c’è stato segretamente con me. Notizia che do solo a voi. E di qui l’idea del libro…

Per questo libro hai scelto un titolo particolare in cui vengono menzionati i protagonisti di questo viaggio surreale…

I protagonisti sono la cerchia dei miei amici, le persone che frequento normalmente. e poi politici nazionali e internazionali che incontriamo in questo viaggio.

Surreali anche i compagni di questo viaggio. Su quale criterio ti sei basato per la loro scelta?

La scelta è stata in ordine alfabetico. Scherzo, in base a importanza e momento. Siamo in un periodo pre-elettorale e ho citato quei personaggi di cui la tv, giornali e web sono pieni.

Con la crescita del web si legge meno. Una bella sfida per te…

Con la crescita del web si legge meno forse sulla carta. La sfida è quella di portare a leggere sulla carta stampata quello che era già il mio percorso sul web. Una sfida? Si mettiamola così, per me è stato anche divertimento. Sul web si scrive ma hai poco spazio. Sul libro ti puoi sbizzarrire.

Tre buoni motivi per comprare e leggere Trumpadvisor…

Il primo ci avviciniamo a natale e tutti preparano la fornacella per il capitone. Questo libro ha una carta particolare che subito prende fuoco e i carboni vengono bene. Secondo perché arriva un libro di satira politica. Negli ultimi anni non ce n’erano tanti in circolazione e forse bisognerebbe capire il perché. Terzo, con questo libro con cui spero si rida, parlo anche di quello che non va nel nostro paese e quello che è già stampo Trump in Italia.Critichiamo Trump ma quanto lo siamo già noi prima che lui arrivasse al potere politico?

Sei un ragazzo del sud e pugliese. Di strada e gavetta ne hai fatta tanta. Quale il tuo consiglio ai più giovani per raggiungere il successo?

Il consiglio che sento di dare è usare il web. E’ una vetrina. Per cui serve sperimentare, provare. Se si ha del talento qualcuno ti chiama, perché ti osservano.

Oltre alla promozione del libro, Striscia la Notizia. Un anno sicuramente indimenticabile per te. Quali i progetti e le aspettative per il 2018?

Il 18 gennaio 2018 uscirà un film con la regia di Nunziante nel quale ho un ruolo. E poi vediamo… il concorso alla regione…

Commenti

commenti

Continua a leggere

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Lifestyleblog.it
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Classifica Musicale

Più Lette

X