Connettiti con noi

Motori

La nuova MINI John Cooper Works Countryman (VIDEO)

Redazione

Pubblicato

il

La mini countryman della seconda generazione è il modello più grande e più  versatile della gamma del tradizionale brand britannico. Un nuovo superlativo  lo marca il propulsore della nuova Mini John Cooper Works countryman. Il motore  da 170 kW/231 CV è il più potente finora mai montato in una mini e, in combinazione con la trazione integrale ALL4 di serie e il robusto concetto automobilistico,  assicura che l’ultimogenito della famiglia delle sportive top di gamma  John Cooper Works si elevi a una dimensione nuova di race feeling durante la guida stradale e di divertimento di guida estremo sullo sterrato.

Sia in combinazione con il cambio manuale di serie a sei rapporti che  con l’optional cambio Steptronic sportivo a otto rapporti, la nuova  Mini John Cooper Works countryman (consumo di carburante nel ciclo combinato:  7,4 l/100 km; emissioni di CO2 nel ciclo combinato: 169 g/km) accelera  da 0 a 100 km/h in 6,5 secondi, superando la mini Cooper S Countryman  ALL4 di rispettivamente 0,8 e 0,7 secondi. Ma la superiorità di performance della  nuova Mini John Cooper Works countryman si riflette anche nell’elasticità in ripresa, nell’agilità in curva e nei valori di decelerazione. Questo è il risultato del pacchetto  completo, realizzato con il know-how delle corse della John Cooper Works,  comprendente, oltre al motore e alla trazione integrale, l’assetto sportivo con cerchi  in lega John Cooper Works da 18 pollici e impianto frenante sportivo Brembo, inoltre una serie di dettagli esclusivi nella scocca per ottimizzare le caratteristiche di aerodinamica e l’affl usso dell’aria di raffreddamento, nonché un cockpit speciale con sedili sportivi John Cooper Works. La posizione particolare della nuova Mini John Cooper Works countryman all’interno del segmento delle vetture compatte premium viene sottolineata dall’esclusivo equipaggiamento di serie con mini Driving Modes, proiettori a LED, Comfort Access e la radio mini Visual Boost.

Nuova Mini John Cooper Works countryman: dati e fatti

  • Motore quattro cilindri turbo da 170 kW/231 CV e coppia di 350 Nm.
  • Trazione integrale ALL4 a effi cienza ottimizzata, di serie.
  • Assetto sportivo con impianto frenante portivo Brembo e cerchi in lega da 18 pollici.
  • Motore, assetto e aerodinamica tarati con il know-how delle corse  della John Cooper Works.
  • Accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,5 secondi,  0,8 in meno rispetto  alla mini Cooper S countryman ALL4, velocità massima: 234 km/h.
  • Kit di aerodinamica John Cooper Works con prese d’aria anteriori  particolarmente grandi.
  • Interni con allestimento dedicato e sedili sportivi John Cooper Works.
  • Esclusivo equipaggiamento di serie con proiettori LED, mini Driving Modes e Comfort Access.
  • Cinque “veri” posti, rispetto al modello precedente, netto aumento dell’abitabilità,  del bagagliaio e della  versatilità.
  • MINI Connected come assistente personale di mobilità negli spostamenti giornalieri  e durante i viaggi.

Più potenza, più spazio, più race feeling su ogni terreno
La nuova Mini John Cooper Works countryman è il successore del primo atleta  top di gamma del brand, sviluppato appositamente per il segmento delle vetture  compatte ed equipaggiato di serie con la trazione integrale ALL4. Il progresso  rispetto al modello precedente si manifesta non solo nella potenza massima,  incrementata di 10 kW/13 CV e nella versione del sistema ALL4 a efficienza  ottimizzata, ma anche nell’aumento delle dimensioni esterne e in un netto  guadagno a livello di abitabilità, di versatilità e funzionalità. La lunghezza  cresciuta di 17 centimetri e la larghezza aumentata di 3 centimetri, nonché  il passo allungato di 7,5 centimetri  determinano nei cinque “veri” posti un’offerta di spazio decisamente ottimizzata. Qualora necessario,  il bagagliaio può essere ampliato da 450 a 1 390 litri. La nuova Mini John Cooper Works Countryman  si trasforma così in un versatile  atleta top di gamma che entusiasma sia sul circuito che sullo sterrato, negli spostamenti giornalieri e nei viaggi più lunghi, offrendo un  divertimento di guida estremo  e una versatilità straordinaria.

Anteprima a Shanghai, lancio sul mercato nella primavera 2017
La nuova Mini John Cooper Works countryman verrà presentata per la prima  volta al pubblico nell’aprile del 2017 al salone auto Shanghai. Il lancio è previsto  per la primavera 2017.

Sviluppata sulla base di un’esperienza pluriennale sui circuiti e sulle piste di rally
Oltre all’attuale know-how tecnologico, naturalmente nel carattere inconfondibile della nuova Mini John Cooper Works countryman si rifl ettono anche la tradizione pluriennale del marchio e i successi nel campo delle corse. 55 anni fa la mini classica conquistò il suo primo successo: con una vittoria della mini Cooper al British Touring Car Championship. Da allora, il nome del leggendario costruttore di automobili sportive John Cooper è sinonimo del successo sportivo del brand e di divertimento di guida stradale estremo.Esattamente 50 anni dopo l’ultima di complessivamente tre vittorie fi nali della mini classica al Rally Monte Carlo la nuova Mini John Cooper Works countryman prepara la strada a nuovi successi in questa disciplina. La nuova edizione del talento universale funge da base per la vettura da competizione sviluppata da mini e l’X-raid Team per i rally a lunga distanza. A partire dalla partecipazione al Rally Dakar 2017, la Mini John Cooper Works Rally si presenta per affrontare le competizioni a carattere di maratona più impegnative del mondo, posizionandosi così come successore della mini ALL4 Racing, sviluppata sulla base della mini countryman della prima generazione e che ha vinto quattro volte consecutive il Rally Dakar.

Pacchetto tarato alla perfezione per una top performance
Da dieci anni il brand John Cooper Works è integrato sotto il tetto di mini.  Questo stretto rapporto risale ai primi anni della mini classica, il cui talento  sportivo fu scoperto e sviluppato da John Cooper. Oggi, questo legame esercita  un’influenza positiva sul divertimento di guida estremo che regala la  Mini John Cooper Works countryman. Motore, cambio, trazione integrale,  nonché l’aerodinamica e la configurazione del cockpit non sono impostati solo  per erogare la massima performance ma contemporaneamente  sono tarati con precisione in  base al concetto automobilistico della nuova mini countryman.  Con l’ultimogenito della  John Cooper Works viene creato così  un pacchetto completo, realizzato con il know-how delle corse  che mette a disposizione una  performance entusiasmante.

Motorizzazione: erogazione  di potenza e sonorità hanno  il carattere delle corse
Il motore quattro cilindri da 2 000 cc della nuova Mini John Cooper Works countryman, montato anteriormente in posizione trasversale, presenta delle caratteristiche prestazionali ispirate ai motori da competizione.  Il propulsore è dotato di una  versione speciale della tecnologia  mini TwinPower Turbo, con sistema  di sovralimentazione integrato  nel collettore di scarico costruito  in getto di acciaio, iniezione diretta  di benzina, comando valvola variabile VALVETRONIC e variatore di fase  degli alberi a camme (Doppio VANOS).

Il turbocompressore, realizzato in materiale a resistenza termica particolarmente elevata, produce una pressione di sovralimentazione aumentata a 2,2 bar. Questo crea la base per un’erogazione di potenza particolarmente forte e prolungata. La coppia massima di 350 Newtonmetri viene messa a disposizione dal motore nell’arco di regime tra 1 450 e 4 500 g/min. La sua potenza massima di 170 kW/231 CV la raggiunge nell’arco di regime da 5 000 a 6 000 g/min.

Ulteriori particolarità del motore sviluppato per i nuovi modelli John Cooper Works sono pistoni speciali, un intercooler di grandi dimensioni e un radiatore supplementare del liquido di raffreddamento. A ciò si aggiungono l’impianto di scarico sportivo che non solo supporta le caratteristiche prestazionali del motore ma che le mette in scena anche a livello acustico ed estetico. La minore contropressione dei gas di scarico favorisce l’erogazione lineare di potenza, mentre una farfalla nello scarico e la particolare geometria del terminale di scarico permettono di realizzare il tipico emozionante sound del propulsore di tutti i modelli John Cooper Works. Inoltre, l’impianto di scarico sportivo si presenta con mascherine cromate dei doppi terminali di scarico tagliate oblique.

Cambio manuale a sei rapporti di serie, cambio Steptronic sportivo a otto rapporti offerto come optional
Il cambio manuale a sei rapporti di serie si distingue per una costruzione a peso ottimizzato, un elevato rendimento interno e un alto comfort di cambiata. Il sensore di marcia permette di adattare attivamente il numero di giri, così da realizzare dei cambi-marcia particolarmente dinamici. Rapporti ravvicinati e il tipico pomello del cambio del marchio facilitano la selezione della marcia giusta. Come optional è disponibile il cambio Steptronic sportivo a otto rapporti, con  la leva del cambio dal design  elaborato appositamente e  bilancieri al volante. Il cambio Steptronic sportivo offre dei tempi di cambiata particolarmente brevi e la funzione Launch Control  per delle accelerazioni da fermo  a trazione ottimizzata.

Ma l’effetto positivo interessa anche l’efficienza. Equipaggiata con il cambio manuale di serie la nuova Mini John Cooper Works countryman registra un consumo di carburante nel ciclo combinato di 7,4 litri per 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 169 grammi  per chilometro. In combinazione con il cambio Steptronic sportivo a otto rapporti i valori si riducono a 6,9 litri e 158 grammi (valori provvisori nel ciclo di prova UE).

Con ALL4 dalla pista  sterrata al circuito
La performance della nuova  Mini John Cooper Works countryman non è solo particolarmente elevata,  ma offre anche un’elevata versatilità nell’utilizzo. Questo lo deve alla trazione integrale ALL4 che ottimizza sia la trazione su fondi non asfaltati, come piste sterrate, che l’agilità nella guida dinamica in curva sul circuito.  Il controllo elettronico del sistema,  interconnesso con la regolazione  della stabilità di guida  DSC (Dynamic Stability Control), provvede in frazioni di secondo e con la massima precisione alla distribuzione della  coppia motrice tra ruote anteriori e ruote posteriori in base al fabbisogno.

Grazie alla costruzione compatta, a peso ottimizzato, l’attuale versione della trazione integrale ALL4 permette di realizzare una forma particolarmente efficiente della  ripartizione variabile della forza. Il sistema è composto da un rinvio angolare  montato sul differenziale anteriore, definito power-take-off, con frizione del  tipo hang-on a regolazione elettro-idraulica. Per ridurre le coppie dissipate durante  la trasmissione della forza motrice all’asse posteriore, nelle normali situazioni di  guida la nuova Mini John Cooper Works countryman avanza con la tipica trazione  anteriore del brand. Qualora necessario, la frizione hang-on provvede in frazioni  di secondo a trasmettere la coppia motrice alle ruote posteriori.

Assetto sportivo per la massima agilità nelle accelerazioni, in curva e in frenata
La sofisticata tecnica di assetto della nuova Mini John Cooper Works Countryman  offre le premesse ideali per la massima performance ed entusiasmanti caratteristiche  di handling. Lo chassis è tarato per la potenza motore estremamente elevata e per  il passo lungo, per la carreggiata larga e il baricentro basso del versatile atleta top di gamma. L’asse anteriore di tipo MacPherson e l’asse posteriore multilink sono stati  combinati in una configurazione realizzata appositamente. Inoltre, l’assetto  sportivo di serie si distingue per una taratura particolarmente rigida dei  sistemi di molle e ammortizzatori.

Il Servotronic, il sistema di servoassistenza funzionante in dipendenza della velocità, sempre di serie, favorisce la precisione dell’handling e il comfort durante le manovre.

L’impianto frenante sportivo, sviluppato in cooperazione con la ditta specializzata Brembo, comprende freni a disco a quattro pistoni e pinza fi ssa sulle ruote anteriori, assicurando valori di decelerazione costantemente elevati anche nelle situazioni d’utilizzo intenso. Le pinze freno verniciate in rosso sono impreziosite anteriormente dal logo John Cooper Works. La trazione ottimale in fase di accelerazione, l’agilità in curva e la decelerazione sicura vengono assicurate inoltre da Dynamic Traction Control (DTC) e da Electronic Differential Lock Control (EDLC) che svolge una funzione di bloccaggio elettronico del differenziale dell’asse anteriore, nonché da Performance Control per un’agile maneggevolezza nella guida dinamica in curva. L’equipaggiamento di serie include anche cerchi in lega John Cooper Works da 18 pollici nella versione Black Thrill Spoke. Come optional vengono offerti altri modelli di cerchi in lega John Cooper Works nelle misure da 18 e 19 pollici.

MINI Driving Modes e Dynamic Damper Control per una taratura personalizzata della vettura
I mini Driving Modes, di serie, permettono di tarare la vettura in base alla situazione momentanea di guida e alle preferenze personali del guidatore. Una manopola alla base della leva del cambio o del selettore di marcia offre la selezione tra le modalità SPORT, MID e GREEN. In questo modo vengono infl uenzate le linee caratteristiche dell’acceleratore e dello sterzo, l’acustica del motore e, qualora a bordo, anche le caratteristiche di cambiata del cambio Steptronic sportivo a otto rapporti e la taratura di Dynamic Damper Control.  Nella modalità SPORT gli ammortizzatori a regolazione elettronica sono impostati per una guida  particolarmente dinamica,  mentre nelle altre due modalità  la preferenza viene data a uno stile di guida orientato al comfort.  Nella modalità GREEN la priorità viene dedicata alla guida  confortevole, a efficienza  ottimizzata. A ciò contribuisce anche la funzione di veleggio,  utilizzabile in combinazione con il cambio Steptronic sportivo a otto rapporti.  Nella modalità GREEN non appena il guidatore rilascia il pedale dell’acceleratore  a velocità tra 50 e 160 km/h viene separata la catena cinematica.

Esterni: segnali forti di  versatile sportività
Nel design esterno della nuova mini John Cooper Works  countryman trova la  propria espressione  la combinazione  inconfondibile di  sportività estrema  e versatilità straordinaria.  Grazie a una lunghezza  di 4 299 millimetri, una larghezza di 1 822 millimetri e un’altezza di 1 557 millimetri,  è indubbiamente il più grande atleta top di gamma della famiglia dei modelli  John Cooper Works. Le tipiche proporzioni di un dinamico atleta multi talento  vengono ulteriormente accentuate da una serie di stilemi esclusivi del modello, come il kit di aerodinamica John Cooper Works. All’immagine robusta contribuiscono anche le grosse prese d’aria della grembiulatura anteriore che anche nella nuova Mini John Cooper Works countryman occupano lo spazio riservato normalmente alle luci di posizione e ai fari fendinebbia. Il mancorrente sul tetto, di serie, e lo spoiler del tetto disegnato appositamente, sottolineano sia l’altezza della scocca che il suo design che mira a realizzare un equilibrio aerodinamico perfetto.

Analogamente alla calandra del radiatore esagonale, le cornici degli indicatori laterali di direzione, note come Side Scuttle, sono contraddistinte dal tipico motivo a nido d’ape, una linea d’accento rossa e il logo John Cooper Works, ripreso anche nel cofano del bagagliaio. Per la verniciatura della scocca della nuova Mini John Cooper Works countryman sono a disposizione quattro tinte pastello e sei colori metallizzati. La vernice rebel green, nonché la vernice di contrasto per il tetto e le calotte degli specchietti retrovisori esterni in chili red, sono un optional riservato esclusivamente ai modelli John Cooper Works.

Interni: più spazio alla passione per le corse
L’abitacolo della nuova Mini John Cooper Works countryman permette di vivere le versatili caratteristiche di performance in cinque “veri” posti, nel tipico ambiente di un’automobile sportiva. Oltre ai sedili sportivi John Cooper Works con poggiatesta integrati, l’intenso race feeling lo generano il volante sportivo John Cooper Works con pulsanti multifunzione, la leva del cambio o il selettore di marcia John Cooper Works e il cielo del tetto colore antracite.

Il design esclusivo del cockpit è stato combinato con un’abitabilità ottimizzata e un elevato grado di versatilità. Rispetto al modello precedente, sia anteriormente che nella zona posteriore si nota il netto aumento dello spazio alla testa, alle spalle e per le gambe. Il divanetto posteriore è regolabile nel rapporto 60 : 40 fi no a 13 centimetri in direzione longitudinale; una maggiore versatilità viene messa a disposizione dagli elementi dello schienale posteriore inclinabili e ribaltabili nel rapporto 40 : 20 : 40.

Per un pit stop nell’inconfondibile  stile mini è disponibile l’optional  picnic bench, una variabile superficie  di appoggio estraibile dal bagagliaio  in grado i accomodare due persone.  Inoltre, come optional è ordinabile  il comando elettrico del cofano  del bagagliaio che in combinazione  con Comfort Access offre l’apertura  e chiusura senza contatto.

Atleta d’eccezione  dall’equipaggiamento esclusivo
La posizione d’eccezione occupata  dalla nuova mini John Cooper Works  countryman sia nel segmento delle  compatte che all’interno della gamma  di modelli del brand viene sottolineata dagli esclusivi equipaggiamenti.  I proiettori LED di serie ottimizzano  la vista durante la guida al buio ed  esaltano con la loro sagoma marcata  l’immagine distinta del frontale della  vettura. La luce diurna viene generata  da un nastro luminoso, realizzato  sempre in tecnica a LED, che avvolge  interamente i gruppi ottici. La dotazione di serie comprende inoltre  il regolatore di velocità con funzione frenante e la radio mini Visual Boost, inclusa l’interfaccia USB e il comando via  mini Controller nello strumento centrale  che al momento di accesso visualizza  un disegno speciale John Cooper Works.

Moderni sistemi di assistenza del guidatore, pregiati optional per un maggiore comfort e uno stile più personale.

Anche nella nuova Mini John Cooper Works countryman i sistemi di assistenza del guidatore sviluppati per l’attuale generazione di modelli provvedono a un aumento supplementare del comfort e della sicurezza. L’avvertimento antitamponamento con preparazione alla frenata di emergenza, di serie, può essere completato dal sistema Driving Assistant, con regolazione attiva della velocità su base di telecamera. Approach and Pedestrian Warning con preparazione alla frenata di emergenza, High Beam Assistant e riconoscimento della segnaletica stradale completano l’equipaggiamento. L’offerta comprende inoltre Park Distance Control con sensori integrati nel frontale della vettura, telecamera di retromarcia e Park Assistant. Oltre alle informazioni sulla velocità, su limiti di velocità e divieti di sorpasso riconosciuti, indicazioni attuali di navigazione e messaggi di check-control, al feedback dei sistemi di assistenza del guidatore e alle liste dei contatti telefonici e dei programmi di entertainment, l’Head-Up-Display John Cooper Works visualizza anche la marcia momentaneamente inserita e una scala multicolore del numero di giri del motore e il segnale di cambio-marcia.

Inoltre, la gamma di optional della nuova mini countryman è ordinabile anche per la nuova variante di modello altamente sportiva. A richiesta sono fornibili per esempio il tetto panoramico in vetro, il climatizzatore automatico a due zone, sedili di guidatore e passeggero riscaldabili, il riscaldamento del parabrezza, specchietti retrovisori esterni riscaldabili e ripiegabili elettricamente e un impianto antifurto con luce di stato rossa nella pinna del tetto.

Strumento centrale con touchscreen, mini Find Mate e mini County Timer
Come optional vengono offerti inoltre il sistema di altoparlanti HiFi Harman Kardon, il sistema di navigazione mini e il sistema di navigazione mini Professional. Il pacchetto Wired comprende, oltre al sistema di navigazione mini Professional, anche il Touch Controller sulla consolle centrale e uno schermo a colori da 8,8 pollici nello strumento centrale eseguito come touchscreen, così da consentire la selezione e regolazione delle varie funzioni con il dito. Il mini Find Mate fa parte del pacchetto Wired. Esso è uno degli ultimi servizi digitali realizzati attraverso mini Connected. mini Find Mate comprende cosiddetti tag con funzione di localizzazione wireless che si lasciano fissare su oggetti o utensili da viaggio utilizzati con frequenza e facilmente ritrovabili  grazie a mini Connected. Se il tag si trova fuori dal campo coperto, sullo schermo  di bordo e sullo smartphone viene visualizzata al guidatore l’ultima posizione registrata. Non appena lo smartphone o la vettura si trovano nuovamente all’interno del campo radio del tag, è possibile attivare un segnale acustico che aiuta a trovare l’oggetto.

In combinazione con il pacchetto Wired e il sistema di navigazione mini Professional  è possibile utilizzare inoltre il mini Country Timer. Il sistema registra le distanze percorse su fondi inclinati, sconnessi o sterrati e su strade e sentieri coperti di neve.  La durata e l’intensità delle sfide affrontate su terreni impegnativi vengono visualizzate, nel tipico stile mini, sul display dello strumento centrale.

MINI Connected, l’assistente digitale personale di mobilità
La nuova Mini John Cooper Works countryman manifesta una performance  affascinante e una grande versatilità anche nel campo dell’interconnessione.  Nell’ultimo modello altamente sportivo, mini Connected supera le conosciute funzioni del programma di In-Car-Infotainment e avanza ad assistente di mobilità personale.  Sulla base di una piattaforma flessibile, la Open Mobility Cloud, mini Connected  collega la vettura attraverso dei touchpoint, come l’Apple iPhone e la Apple Watch,  alla vita digitale del guidatore mini.

Grazie al concetto omnicomprensivo di mini Connected, la mobilità  non inizia solo quando si sale a bordo della vettura. mini Connected informa il  guidatore sull’orario di partenza ottimale in base agli appuntamenti di calendario  e considerando i dati attuali sul traffico. Dati relativi a indirizzi e appuntamenti che il guidatore ha memorizzato sullo smartphone attraverso mini Connected vengono trasmessi automaticamente alla vettura e non devono essere inseriti  nuovamente nel sistema di navigazione. Inoltre, mini Connected è in grado  di salvare degli indirizzi utilizzati frequentemente, come destinazioni preferite,  e di riconoscere strade percorse regolarmente, come il percorso giornaliero  per recarsi in ufficio, così da potere informare il guidatore su eventuali  insoliti ostacoli al traffico.

La Nuova Mini John Cooper Works countryman:
consumo di carburante nel ciclo combinato: 7,4 l/100 km;
emissioni di CO2 nel ciclo combinato: 169 g/km

 

Commenti

commenti

Motori

Ford presenta la nuova Ecosport: l’evoluzione del SUV compatto

Redazione

Pubblicato

il

La nuova Ecosport di Ford: l’evoluzione del SUV compatto

Ford presenta la nuova generazione di EcoSport, il SUV compatto, dinamico e sportivo dell’Ovale Blu, in grado di garantire ai clienti europei maggiore praticità, un design più rifinito e una gamma di tecnologie avanzate.

Per la prima volta, sarà disponibile la trazione integrale intelligente Ford (Intelligent All Wheel Drive), per una migliore trazione, sia su strada sia in off-road, abbinata al nuovo motore diesel EcoBlue 1.5.

Debutta, inoltre, l’allestimento ST-Line, la versione ispirata alle Ford Performance Cars.

Le tecnologie innovative disponibili, a bordo della nuova generazione di EcoSport, annoverano il SYNC 3, il sistema di connettività e comandi vocali Ford, il controllo della velocità di crociera con limitatore regolabile (Cruise Control with Adjustable Speed Limiter) e la telecamera posteriore (Rear View Camera).

Migliorate le dinamiche di guida, più deciso il design degli esterni, la nuova EcoSport permetterà di scegliere tra 12 colori brillanti. Ogni cliente potrà ulteriormente personalizzare il proprio SUV compatto, scegliendo tra alcune tonalità a contrasto, per le finiture del tetto, che si estendono fino alla parte superiore dei montanti e delle porte, allo spoiler e agli specchietti retrovisori. Anche gli interni crescono in eleganza ed ergonomia, grazie all’integrazione a bordo di un touchscreen centrale da 8 pollici, del volante riscaldato e di nuove soluzioni ideate per ottimizzare al meglio lo spazio disponibile, tra cui un piano regolabile del bagagliaio.

 

“Dall’introduzione sul mercato europeo, nel 2014, Ford ha venduto 150.000 unità EcoSport e le vendite dello scorso anno hanno espresso una crescita del 40%”, ha dichiarato Steven Armstrong, Vice President e President, Ford Europe, Middle East & Africa. “La nuova EcoSport offrirà ai clienti ancora più stile, comfort, spazio e personalizzazioni, unendo la solida funzionalità di un SUV con la versatile praticità di una city car”.

La nuova generazione europea di EcoSport sarà prodotta presso lo stabilimento Ford di Craiova (Romania), grazie a un importante investimento da 200 milioni di euro. Sarà in vendita entro la fine di quest’anno e affiancherà Kuga ed Edge.

In Europa, le vendite dei SUV stanno crescendo con un ritmo più veloce rispetto a quello espresso da qualsiasi altro tipo di segmento. Nel 2016, le immatricolazioni di modelli appartenenti all’intero segmento dei SUV sono aumentate del 21%, rappresentando oltre il 25% di tutti i nuovi veicoli immatricolati: più di 1 nuova automobile su 4 è un SUV. I risultati della gamma dei SUV Ford sono ancora più positivi: lo scorso anno le vendite, in Europa, sono cresciute di oltre il 30%.

Abbinamento tra potenza ed efficienza

La nuova generazione di EcoSport permetterà di vivere un’esperienza di guida ancora più piacevole, grazie alla trazione integrale intelligente Ford, Intelligent All Wheel Drive,  offerta in abbinamento al nuovo motore diesel Ford EcoBlue 1.5 da 125CV e 300 Nm di coppia e con cambio manuale a 6 marce. (*)

Questa tecnologia valuta il livello di aderenza delle ruote alla superficie della strada e trasferisce la distribuzione della coppia fino a 50/50 tra l’asse posteriore e quello anteriore, in base alle condizioni di guida, adeguandola in soli 20 millisecondi, meno di un battito di ciglia. La trazione integrale intelligente Ford (Intelligent All-Wheel-Drive) garantisce una transizione fluida della coppia fra tutte le 4 ruote, per una maggiore aderenza alla strada, specialmente in condizioni scivolose.

Il nuovo motore diesel 1.5 EcoBlue è stato progettato per offrire maggiore potenza, garantendo migliori prestazioni ed emissioni ridotte. Il propulsore a quattro cilindri offre delle tecnologie innovative, tra cui:

  • Nuovo sistema di ricircolo dei gas di scarico a bassa pressione con sistema di raffreddamento per una combustione più efficiente e riduzione delle emissioni
  • Un collettore di aspirazione integrato per un’aspirazione ottimizzata del motore
  • Turbocompressore a bassa inerzia per una risposta migliore e più veloce, costruito con materiale ad alta resistenza, per sopportare le temperature più elevate
  • Un sistema di iniezione di carburante ad alta pressione, che garantisce una risposta più veloce, costante ed efficace.

Dalla metà del 2018, sarà disponibile una versione a trazione anteriore del propulsore diesel EcoBlue 1.5 da 125CV, abbinato al nuovo cambio manuale a 6 marce a basso attrito, che sarà in grado di aumentare l’efficienza a fronte di una riduzione delle emissioni di CO2. Il motore Ford TDCi 1.5 da 100CV a trazione anteriore, cambio manuale a sei marce e consumi da 4,1 l/100 km e con emissioni di CO2 pari a 107 g/km, sarà disponibile dal lancio.(*)

Il pluripremiato 3 cilindri EcoBoost 1.0, disponibile con vari livelli di potenza, da 125 e 140CV, sarà in grado di offrire consumi da consumi da 5,2 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 119 g/km. Dalla metà del 2018, l’EcoBoost 1.0 sarà disponibile anche da 100CV, abbinato al cambio manuale a 6 marce. L’EcoBoost 1.0 da 125CV sarà disponibile anche con cambio automatico a 6 marce e comandi paddle shift al volante, per un cambio di marcia più agevole e che offre consumi da 5,8 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 134 g/km.

La nuova generazione di EcoSport continuerà a garantire prestazioni e guidabilità appositamente studiate per le esigenze dei clienti europei, grazie all’ottimizzazione di sospensioni, ammortizzatori, molle, angolo di sterzata, barra antirollio, impostazioni dell’Electronic Stability Programme e del servosterzo.

Agile e contemporanea

La nuova generazione di EcoSport si presenta con un design deciso dai tratti marcati, tipico dei SUV dell’Ovale Blu, con stilemi condivisi con l’intermedio Kuga e il full-size Edge.

Il cofano è scolpito centralmente per offrire un aspetto del frontale più lineare, con ugelli lavavetri occultati sotto il profilo del cofano. Il design anteriore si distingue per il carattere vigoroso della griglia trapezoidale, che si raccorda fluidamente ai fari, ora disponibili con un sistema di illuminazione High Intensity Discharge e che incorporano le eleganti luci diurne a LED.

Anche il design del retro e delle luci posteriori della nuova generazione di EcoSport sono stati rivisti, per offrire un aspetto più semplice ma al contempo come scolpito. I clienti potranno scegliere tra 12 brillanti tonalità per gli esterni, tra cui Blue LightningRuby Red e un’intensa sfumatura di arancione, Tiger Eye; oltre a poter ulteriormente personalizzare il proprio SUV compatto, scegliendo tra alcune tonalità a contrasto, per le finiture del tetto.

Ne completeranno l’aspetto audace e sportiveggiante, i nuovi cerchi in lega da 17 e 18 pollici, disponibili in numerose finiture, tra cui Magnetic Low GlossGray Flash e High Gloss Black. Continuerà a essere ordinabile, anche sulla nuova generazione di Ecosport, la ruota di scorta, montata posteriormente sul portellone.

La nuova EcoSport si rinnova anche negli interni, grazie alle linee più rifinite, all’utilizzo di materiali soft-touch e alla consolle centrale, ridisegnata per un utilizzo intuitivo dei comandi e con un numero di pulsanti notevolmente ridotto. Il design dei sedili è stato ottimizzato per un maggiore comfort di tutti gli occupanti, siano essi seduti sui sedili anteriori o posteriori, e per offrire più eleganza, attraverso la scelta della dotazione in pelle parziale. I passeggeri potranno abbinare l’atmosfera di guida al loro umore, grazie all’illuminazione interna regolabile su sette diversi colori.

All’interno sono, altresì, presenti una serie di soluzioni, ideate per ottimizzare al meglio lo spazio disponibile, tra cui il piano del bagagliaio regolabile in altezza, che può essere sollevato per accedere a un ulteriore vano portaoggetti o abbassato per aumentare la capacità del bagagliaio a 334 litri. La consolle è dotata di un bracciolo centrale, al cui interno è riposto un vano portaoggetti, ideale per l’alloggiamento di tablet o di snack.

La nuova generazione di EcoSport, per la prima volta, includerà l’allestimento ST-Line che andrà ad affiancare Fiesta, Focus, Kuga, Mondeo, S-MAX ed Edge all’interno della gamma ST-Line ispirata ai veicoli Ford Performance, caratterizzati da linee audaci e driving dynamics sportivi, abbinati ai potenti ed efficienti motori benzina EcoBoost e diesel TDCi.

L’EcoSport ST-Line sarà caratterizzata da paraurti e minigonne laterali in puro stile Ford Performance, barre al tetto e mascherine dei fari in colore nero, cerchi in lega bruniti da 17 pollici, badge ST-Line, tetto e specchietti retrovisori a contrasto di serie. All’interno volante ST-Line a fondo piatto rivestito in pelle, sedili in pelle parziale con inserti Miko®-Dinamica (una pelle scamosciata ecologica in poliestere riciclato) e cuciture rosse, così come la leva del freno a mano e la manopola del cambio. Soglie battitacco con logo ST-Line e pedali sportivi in ​​acciaio completano l’allestimento.

Tecnologie innovative

La nuova EcoSport è stata progettata partendo dalla posizione di guida rialzata, tipica di un SUV, abbinata ai driving dynamics caratteristici di Ford, per offrire un’esperienza al volante ancora più agile e piacevole, integrando a bordo una serie di tecnologie avanzate.

Il sofisticato sistema di intrattenimento e comandi vocali SYNC 3 è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto™. Il SYNC 3 è supportato da uno schermo touchscreen capacitivo da 8 pollici, disponibile anche da 6,5 ​​pollici.

Il nuovo sistema audio B&O PLAY offre un’emozionante esperienza di ascolto. Infatti, con dieci altoparlanti, incluso il subwoofer nel bagagliaio e un altoparlante al centro della consolle, il sistema è stato specificamente tarato per EcoSport ed è controllato dal Digital Signal Processing Amplifier di ultima generazione, che consente di ottenere un’equalizzazione e un mix audio perfetti, grazie anche all’impostazione Surround Sound.

La nuova generazione di EcoSport sarà dotata, per la prima volta, del controllo della velocità di crociera con limitatore regolabile (Cruise Control with Adjustable Speed Limiter) che aiuta il conducente a rispettare i limiti di velocità, e una telecamera posteriore (Rear View Camera), che rende il parcheggio più semplice e sicuro.

I fari automatici e i tergicristalli con i sensori di rilevazione di pioggia, alleggeriscono l’automobilista di alcuni dei piccoli stress della guida e gli consentono di concentrarsi principalmente sulla strada da percorrere. Per aumentarne la praticità, la nuova generazione di EcoSport sarà dotata di un nuovo computer di bordo da 4,2 pollici, che raggruppa una serie di funzioni e che rende più facile l’accesso alle informazioni di guida, e di specchietti ripiegabili elettricamente e riscaldabili, per partenze più rapide nelle mattinate gelide.

Ulteriori tecnologie di supporto alla guida includono il riconoscimento di veicoli nella zona d’ombra (Blind Spot Information System), che segnala al conducente quando altri veicoli si avvicinano ai lati nell’angolo cieco, e il sistema di controllo trazione (Roll Stability Control), che regola la coppia di motore e la frenata, per mantenere il controllo durante la guida.

Protezione migliorata per coloro che occupano i posti di conducente e passeggero, che ora includono airbag anteriori per entrambi, airbag per le ginocchia lato conducente, airbag laterali, per una protezione supplementare del torace, e airbag a tendina per garantire la massima copertura laterale.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Motori

La nuova Jeep Wrangler 2018

Redazione

Pubblicato

il

Presentata a Los Angeles la nuova Jeep Wrangler 2018

Il marchio Jeep presenta al salone di Los Angeles la nuova Jeep Wrangler 2018. L’icona del marchio si rinnova completamente pur rimanendo fedele a se stessa nelle leggendarie capacità off-road, nello stile autenticamente Wrangler e nella dotazione tecnologica con soluzioni avanzate.
In Italia l’arrivo della nuova Jeep Wrangler è previsto nella seconda metà del 2018.

Migliorata nelle leggendarie capacità 4×4 per andare ovunque

La nuova Jeep Wrangler 2018 garantisce leggendarie capacità off-road grazie a una tecnica sofisticata che comprende, a seconda degli allestimenti, due avanzati sistemi di trazione, bloccaggi elettrici dei differenziali Tru-Lock, differenziale a slittamento limitato Trac-Lok e barra stabilizzatrice anteriore a scollegamento elettronico.

 

Un design moderno e autenticamente Wrangler

Il design esterno della nuova Jeep Wrangler si contraddistingue per la griglia anteriore rinnovata, gli iconici fari arrotondati, i fari posteriori quadrati, un’aerodinamica migliorata, un comodo parabrezza fold-down e una libertà ancora maggiore per la guida “scoperta”. Gli interni della nuova Wrangler offrono ancora più versatilità e comfort e mostrano uno stile autentico, elevata qualità costruttiva e materiali di alta fattura.

 

Nuovi contenuti tecnologici

La nuova Jeep Wrangler  è un concentrato di tecnologia avanzata e offre tre nuovi sistemi Uconnect con quadro strumenti LED a colori, schermo tattile capacitivo ad alta definizione e funzioni Apple CarPlay e Android Auto per il telefono vivavoce e la navigazione.  Anche la sicurezza è un elemento centrale della nuova generazione Wrangler, che offre più di 75 sistemi di sicurezza attiva e passiva.
La gamma di motopropulsori per il nord America si arricchisce con un nuovo motore turbo quattro cilindri in linea da 2 litri e il V6 EcoDiesel da 3,0 litri abbinati ad un nuovo cambio automatico a otto marce.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Motori

McLaren 720S & McLaren 570S Spider al Motorshow di Bologna

Redazione

Pubblicato

il

McLaren Milano al Motorshow di Bologna

McLaren Milano per questa edizione del Motorshow di Bologna esporrà i suoi due più recenti modelli; la McLaren 720S, seconda-generazione della Super Series e la prima cabriolet nella gamma Sports Series, la 570S Spider.

A distanza di pochi giorni da Milano AutoClassica, il creatore Inglese di vetture di lusso sportive e supercars ha scelto questo storico appuntamento italiano che da sempre celebra la passione per il mondo dei motori, offrendo agli appassionati Italiani l’opportunità di ammirare la maestria artigianale delle sue vetture.
Caratterizzate dalle tecnologie derivata dall’eredità sportiva di McLaren e con spiccate caratteristiche da supercar di razza, come nella tradizione del marchio, la 720S introduce la seconda-generazione Super Series, il prodotto nel cuore del segmento delle supercars del marchio McLaren. Una nuova ed entusiasmante  nterpretazione del linguaggio stilistico di McLaren ed una maniacale attenzione nell’applicare e rappresentare temi e stilemi aerodinamici sono al centro del
DNA che esalta le prestazioni dinamiche, quanto esalta il ricercato e lussuoso abitacolo focalizzato sul conducente, caratterizzato da rivestimenti in pelle e finiture in alluminio. La 570S Spider, sorella della 570S Coupé, modelli della gamma McLaren Sports Series è la scelta per chi vorrà guidare una nuova McLaren cabriolet. Lo chassis ultra leggero strutturato attorno al MonoCell II in fibra di carbonio del peso di soli 75kg, unito a elementi stilistici distintivi ed una vasta gamma di equipaggiamenti, costituisce la base di tutte le vetture, garantendo prestazioni senza compromessi.

“Questi due modelli presentati entrambi nel corso dell’anno rappresentano le cinque caratteristiche chiave che definiscono il DNA di McLaren: eccellenza aerodinamica, peso contenuto, dettagli esclusivi e un totale coinvolgimento del conducente,”

ha sottolineato Aldo Fassina, Amministratore Delegato di McLaren Milano.

“Il Motorshow di Bologna ci dà l’opportunità essere vicini ai nostri estimatori con la Super Series e la Sports Series due modelli che hanno già riscosso ottimi riconoscimenti da pubblico e critica”.

Ogni vettura McLaren viene assemblata a mano nel modernissimo impianto McLaren Production Centre (MPC) a Woking, Inghilterra. Per soddisfare le richieste dei clienti McLaren ogni vettura può essere personalizzata con materiali e dettagli esclusivi. Sono inoltre disponibili una serie di pacchetti e selezionati allestimenti per gli interni “By McLaren”, inoltre vi è anche l’opportunità di esaltare le caratteristiche della vettura con componenti e ricercate finiture create dalla divisione di
McLaren Automotive denominata McLaren Special Operations (MSO) che realizza automobili su misura per i suoi clienti.

Prezzi di listino

Il prezzo di listino chiavi in mano parte da €252.620 per la McLaren 720S e 214.450 per la McLaren 570S Spider.
In Italia McLaren Automotive è rappresentata da McLaren Milano.

Commenti

commenti

Continua a leggere

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Lifestyleblog.it
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Classifica Musicale

Più Lette

X