Interviste

Intervista a Salvo Iavarone

Recentemente si è svolto a Milano presso la sede di ICE Agenzia in corso Magenta, ed alla presenza di autorevoli rappresentanti di ICE Agenzia, del MISE  e delle Camere di Commercio di Milano e Torino, il quinto appuntamento,che chiude un ciclo di conferenze, avente a tema“ Investimenti esteri, risorsa odierna, speranza di domani” . Si tratta di cinque incontri promossi da Confassociazioni International, che fa da capofila, guidata dal suo presidente Salvo Iavarone,  Unioncamere, Confassociazioni , ICE. Esordio in Camera di Commercio a Torino, il 19 gennaio scorso, con Piero Fassino, Licia Mattioli, Riccardo M. Monti. Quindi a Mestre, il 15 aprile, sempre in Camera. Regione Veneto, Paolo Ciocca del centro studi Bnl- Bp Paribas, Università Cà Foscari, ed altri. A  Roma, terza tappa in luglio, presso la sede di Unioncamere; presenti il padrone di casa, Ivan Lo Bello, Paolo Pispola capo di gabinetto del sottosegretario Ivan Scalfarotto, la Regione Lazio, ed altri.
Presidente Iavarone, con Milano avete terminato un ciclo di incontri. Qual è il suo bilancio?
Abbiamo iniziato a pensarci in estate del 2015. Avevo pubblicato un paio di interventi a mia firma sul Corriere della Sera, in Economia, sugli investimenti. Producendo due tipi di reazioni: da una parte, ricevevo riscontri interessati, e spinte ad andare avanti; dall’ altra approfondivo gli studi sull’ argomento, facendo emergere in me molte curiosità.

Di che tipo ?
Beh, intanto i dati apparivano contrastanti. E soprattutto differenti rispetto ai vari territori che si andavano ad individuare. Infatti poi tutto ciò è emerso nel corso dei lavori.

Cosa è emerso ?
Intanto che anche in questo caso esiste un Nord ricco, ed un Sud povero. Ad esempio , nel 2015 il 65% degli IDE ( investimenti esteri diretti ) , sono andati al Nord Ovest. Mentre un misero 2% al Sud. Ma anche il Veneto non ride. Siamo al 17% circa, peraltro in decrescita.

Di che numeri parliamo ?
2,5 miliardi di euro, nel 2015, pari a 0,1% del Pil. Come stock complessivo, circa 280 miliardi, pari al 17 % del Pil.  Siamo però penultimi i Europa, secondi solo alla Grecia. La Francia e la Germania fanno molto meglio di noi.

Quali obiettivi ?
Avremmo piacere, e riteniamo possa risultare utile, continuare a studiare l’ argomento. Per capire cosa succede, e proporre idee e possibili azioni ai partner, ed al MISE.

Commenti

commenti

TESTATA ON-LINE ISCRITTA AL TRIBUNALE DI BARI AL N. 23/2011

Direttore: Bruno Bellini

Creato a Monopoli (Bari)

Scarica la nostra APP!

Cerca la nostra app, Lifestyleblog.it, su Google Play o Apple Store. Realizzata per dispositivi Android e iOS.

Privacy Policy

Privacy Policy

Iscriviti alla Newsletter

To Top