Connettiti con noi

Cinema e Spettacolo

Al via la decima edizione del Festival Internazionale del film corto Tulipani di Seta Nera

Redazione

Pubblicato

il

Doppio evento al Boscolo Exedra di Roma il 18 aprile. Nell’incantevole terrazza Posh al quinto piano dell’hotel di Piazza della Repubblica è stata presentata la decima edizione del Festival Internazionale del film corto Tulipani di Seta Nera.

“Un appuntamento importante che si sta consolidando nel circuito dei cortometraggi attraverso un tema altrettanto significativo: l’integrazione sociale”. Diego Righini, moderatore della conferenza stampa, ha presentato così l’evento, introducendo poi i conduttori del Festival, Metis Di Meo e Franco Di Mare, il Presidente di Giuria Caterina D’Amico e il Vice Presidente Carlo Brancaleoni, la Madrina ed il Padrino dell’evento, Valeria Milillo e Gian Marco Tognazzi, la Presidente della Giuria di VariEtà, Sara Iannone ed i Vice Presidenti Catello Masullo, Paola Dei, Franco Mariotti e Massimo Nardin. A prendere per prima la parola è stata l’ideatrice, autrice e curatrice del Festival, Paola Tassone: “L’idea alla base della nostra manifestazione, che ha preso vita ormai nel 2007, è sempre la stessa: mettere in risalto una diversità che porta poi all’uguaglianza. L’obiettivo è quello di utilizzare il cortometraggio come mezzo per dare al pubblico la possibilità di riflettere”. Spazio poi a Franco Di Mare, che si è detto “onorato di presentare questa decima edizione”. Alla luce della sua esperienza come inviato di guerra ha avuto modo di conoscere la diversità “in prima persona”, parlando dei luoghi di confine “dove l’altro non deve essere considerato diverso, ma deve essere visto come forma di arricchimento”. La sua collega Metis Di Meo ha raccontato di aver visto crescere il festival negli anni: “Ma il cortometraggio rimane il mezzo perfetto per raccontare quella che è la diversità”. Caterina D’Amico, Presidente di Giuria, ha affermato di non amare il ruolo di giurata “soprattutto in un caso come quello dei cortometraggi, perché tutti meritevoli di attenzioni”. Carlo Brancaleoni, suo Vice, ha fatto una riflessione sui cortometraggi in gara e sulla loro divulgazione, affermando che ciò che rende speciale il festival è che non essendo un prodotto industriale questo lo rende ancora più speciale. A lui il compito di ricordare che trentaquattro dei più di cento corti iscritti sono stati pubblicati e dunque possono essere visualizzati sul sito di Rai Cinema Channel. La madrina e il padrino del Festival, Valeria Milillo e Gian Marco Tognazzi, hanno affermato entrambi con convinzione di essere fieri di far parte del decennale della manifestazione e della grande famiglia che la organizza con passione da tempo, e proprio per questo sperano che ci sia una continuità di collaborazione anche negli anni futuri. L’erede del grande Ugo, in particolare, ha detto che il cortometraggio è la strada giusta per le giovani leve della settima arte, proponendo alle istituzioni presenti che i corti possano essere proiettati anche nelle scuole medie e superiori, per far arrivare ai giovani il loro messaggio educativo. Parlando infine della qualità dei corti, afferma che la diversità è ormai normale e afferma di amare più la parola “unicità” rispetto a “diversità”. Gli fa eco Valeria Milillo: l’attrice spera che il loro ruolo possa essere quello di divulgare la missione del Festival per farlo accrescere sempre di più e farlo conoscere a più persone possibili. Parole, queste, particolarmente apprezzate da Franco Bettoni e Vincenzo Falabella, rispettivamente  Presidente FAND ed Anmil e Presidente FISH, ovvero le due associazioni che insieme all’Università Cerca Lavoro hanno costituito il Comitato Promotore del Festival nato per avviare percorsi di integrazione e inclusione sociale e dare opportunità alle figure emergenti di tutte le professioni del cinema. Dutante l’appuntamento che ha richiamato l’attenzione di ospiti e giornalisti è stata inoltre introdotta la sessione dei “SocialVideoClipTSN” presentata da Serena Gray, che va avanti da tre anni ormai e che si svolgerà il giorno 29 Aprile, secondo giorno dell’evento in cui sarà al lavoro anche la Giuria di VariEtà presieduta come sempre da Sara Iannone: “Con il lavoro dei miei colleghi diamo un’altra visuale rispetto a quella classica del Festival, premiando il cortometraggio più votato in sala”. Spazio anche ad Alice Bellagamba che proprio in occasione delle giornate di proiezione che si terranno alla Casa del Cinema presenterà un progetto dal titolo “Last Chance”, cortometraggio di fantascienza fuori concorso. Il tema principale del suo racconto per immagini è la distruzione e la rinascita attraverso l’arte. Ha preso infine la parola Sara Galimberti che per il secondo anno consecutivo partecipa al Festival in veste di creatrice e interprete della sigla: “Non è stato facile raccontare la diversità in musica, ma grazie a quello che ho osservato nella mia vita, anche attraverso la fotografia,  mia seconda passione dopo la musica, spero di esserci riuscita. Non senza l’aiuto fondamentale del Maestro Vince Tempera, che mi ha supportato in questa nuova sfida e che mi accompagnerà sul palco in occasione del Gala, dove presenterò il brano al pubblico”.  Al termine della conferenza ha preso di nuovo il microfono Paola Tassone, che ha dato appuntamento a tutti i presenti alla Casa del Cinema il 28 e 29 aprile, giornate in cui verranno proiettati i quattordici cortometraggi finalisti selezionati dalla Giuria e avranno luogo gli eventi speciali fuori concorso condotti da Metis Di Meo e Beppe Convertini. E dopo aver ricordato l’appuntamento al Teatro Olimpico fissato per domenica 30, in occasione della serata conclusiva del Festival, quella di Gala, ha invitato tutti a brindare al decimo compleanno del Festival e all’inaugurazione estiva della terrazza Posh. I rappresentanti delle Istituzioni, i giornalisti e i vip presenti, tra i quali spiccavano Janet De Nardis, Elena Coniglio, Stefano Pantano, Cristina Buccino con sua sorella Maria Teresa, Leopoldo Mastelloni, Ivan Castiglione, Valentina Ghetti, Cinzia Leone e Simona Guatieri,  sono stati accolti dai padroni di casa, lo chef Niko Sinisgalli accompagnato dalla moglie Maria Rosito, che hanno tagliato il nastro per questa nuova stagione, offrendo portate di spicco della loro cucina made in Italy. Su tutte, la pasta “Don Mario”, un vero tuffo di sapori tra tradizione e innovazione. Quest’anno il Posh rappresenterà un nuovo modo di vivere la nightlife romana, con la voglia e l’entusiasmo di rendere la terrazza il centro del divertimento, della bellezza e del gusto della Capitale. Lo chef Niko Sinisgalli è pronto a stupire con un nuovo modo di interpretare il dopocena, prevedendo un menù che porterà gli ospiti a degustare non soltanto i piatti tradizionali ma anche innumerevoli antipasti creati su misura per i cocktail. Con l’appuntamento del 18 aprile è stato dato ufficialmente inizio ad un nuovo modo di vivere la notte a Roma, grazie alla cucina tradizionale ma sempre all’avanguardia di Niko, che nasce in un’autentica famiglia di ristoratori, da cui ha assorbito non solo l’arte della cucina ma anche l’attenta ricerca di prodotti e sapori unici. Con la giusta dose di ingredienti in ogni piatto insegue, infatti,  la sperimentazione partendo dalle radici, perché non si può creare il nuovo senza partire dalle fondamenta. Una cucina autentica, fuori dagli schemi ma dentro la tradizione, che gli ospiti del Festival hanno già avuto modo di apprezzare.

 

 

Commenti

commenti

Cinema e Spettacolo

Flavio Insinna e La Macchina della Felicità (Video intervista)

Bruno Bellini

Pubblicato

il

Flavio Insinna e la Sua Piccola Orchestra in La Macchina della Felicità

Flavio Insinna protagonista nei teatri italiani con “La macchina della felicità”, che non definisce uno spettacolo ma un momento di ricreazione.

“Mi considero, un cantastorie, narra storie… Raccontare è la cosa più bella, mia nonna mi ha insegnato il gusto per il racconto delle favole.
Uno strumento dopo l’altro, il libro si è fuso alla nota. Ma qui non lo leggiamo tutto… c’è qualche pagina con musica e qualche mio racconto. Non arrivo al finale per non rovinarlo a chi vuole leggere. Ricreazione perché succede sempre non è mai venuto uguale ogni sera. neanche se volessimo. Perché ogni sera cambia allegria persone, umore, posto… Finita la parte del libro c’è quella d’azione dove vengono letti i pensieri che ci scrivono le persone che arrivano e scrivono la loro idea sulla felicità”.

“Se è solo tua la felicità conta poco, se riesci a condividerla hai vinto. Molto spesso le persone ci vengono a salutare, a farsi foto, dediche, autografi… e palloncini nel finale. Quando dicono che sono più felici di quando sono arrivati, lì abbiamo vinto!”.

Infine, con Insinna parliamo della serata che condurrà insieme ad Anna Valle sabato 18 novembre 2017 su Rai 1. Prodigi – La musica è vita è l’appuntamento con il talento e la solidarietà per l’Unicef.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Cinema e Spettacolo

Spamalot – il Musical con Elio al Teatro Nuovo dal 17 novembre

Redazione

Pubblicato

il

Grande attesa per Spamalot – Il Musical la nuova produzione Teatro Nuovo di Milano. Il 17 novembre arriva sul palco del Teatro diretto da Lorenzo Vitali lo spettacolo tratto da “Monty Python e il Sacro Graal” film-cult del più grande gruppo comico di tutti i tempi. Elio veste i panni di Re Artù e arruolerà per un’importante missione i cavalieri della tavola molto molto molto rotonda.

A raccogliere la sfida dell’adattamento in italiano del musical scritto da Eric Idle e John Du Prez è Rocco Tanica grande appassionato conoscitore dell’opera dei Monty Python. La sua cifra comica mostra orgogliosamente l’influenza del sestetto inglese: difficile immaginare qualcuno più adatto a cui affidare questo difficile compito. “Trentaquattro anni fa vidi al cinema Monty Python, Il senso della vita – dice Tanica – e fu una folgorazione. È un onore essere stato scelto per quest’incarico”.

La regia è stata affidata a Claudio Insegno che ha già diretto altri successi come Jersey Boys e La febbre del sabato sera. La direzione musicale è di Angelo Racz, la coreografia è affidata a Valeriano Longoni.

L’ingresso di Elio nel cast completa il quadro e rende questa prima italiana di Spamalot un evento eccezionale, certamente uno degli spettacoli teatrali più attesi e richiesti della stagione 2017/18.

Elio torna al musical dopo il successo de La Famiglia Addams e sceglie di farlo confrontandosi con coloro che sono sempre stati uno dei principali punti di riferimento suoi e di Elio e le Storie Tese. Ricorda infatti Elio “Anch’io trentaquattro anni fa vidi “Il senso della vita”, ma a differenza di Rocco l’unica conseguenza fu che persi le chiavi della macchina, una 127 blu che oltretutto non era veramente mia, ma di mia mamma. Tornai il giorno dopo nel parcheggio e fortunatamente le ritrovai”.

In quarant’anni anni nessuno aveva mai osato mettere in scena i Monty Python, con la loro comicità surreale e testi pieni di riferimenti e giochi verbali spesso intraducibili o difficilmente comprensibili per un pubblico non anglosassone.

Lo spettacolo debutta il 17 novembre al Teatro Nuovo di Milano per poi proseguire in tournée nei maggiori teatri italiani.

SPAMALOT IL MUSICAL

dei Monty Python

Con Elio

Regia di Claudio Insegno

Testo e Liriche: Eric Idle

Musiche: John Du Prez

Traduzione e adattamento: Rocco Tanica

Pamela Lacerenza, Andrea Spina, Umberto Noto, Giuseppe Orsillo, Filippo Musenga, Thomas Santu, Luigi Fiorenti

Ensemble: Michela Delle Chiaie, Greta Disabato, Federica Laganà, Maria Carlotta Noè, Simone De Rose, Daniele Romano, Alfredo Simeone, Giovanni Zummo

Direzione Musicale: Angelo Racz

Coreografia: Valeriano Longoni

Scene: Giuliano Spinelli

Costumi: Lella Diaz

Disegno Luci: Alin Teodor Pop

Disegno Audio: Edoardo Priori

Foto di Gabriele Giannini e Gianluca Colombo

Ufficio stampa: Rocchina Ceglia

TEATRO NUOVO DI MILANO

Dal 17 novembre 2017 al 6 gennaio 2018

ore 20.45 – domenica 15.30

per info e prenotazioni tel. 02.794026

www.teatronuovo.it

Commenti

commenti

Continua a leggere

Cinema e Spettacolo

My Little Pony – Il Film: al cinema il prossimo 6 dicembre

Redazione

Pubblicato

il

Tempest, uno dei pony protagonisti del film, verrà doppiato da Lorella Cuccarini

Il countdown in vista dell’uscita di My Little Pony – Il Film è partito da mesi, i fan sono già in visibilio e non vedono l’ora di assistere alla proiezione del primo film interamente dedicato ai loro beniamini prevista per il 6 dicembre in tutta Italia. Sarà una fantastica avventura, tutta nuova e da non perdere assolutamente. Soprattutto se nel cast c’è anche Sia in versione Little Pony. La famosissima cantante, infatti, ha scritto e interpretato un brano dal titolo Rainbow che farà parte della colonna sonora del lungometraggio. Ma non solo: Tempest, uno dei pony protagonisti del film, verrà doppiato da Lorella Cuccarini, la ballerina, conduttrice e attrice più amata dagli italiani. Ed è così che due icone pop celebrano la ribalta cinematografica dei My Little Pony, il giocattolo più collezionato al mondo.

Guarda il trailer


Sulla cresta dell’onda dal 1983, i My Little Pony, pronti a festeggiare il 35esimo compleanno nel 2018, sono diventati subito un best-seller, conquistando un posto speciale nel cuore di milioni di bambine e delle loro mamme, ma anche di designer e stilistivip e collezionisti di ogni tipo. Conosciuti dal 96% delle bimbe tra i 3 e i 5 anni, almeno il 61% di queste ne possiede almeno uno, tanto che dalla loro nascita sono stati venduti più di 100 milioni di pony. Un vero fenomeno di costume, in crescita esponenziale e in grado di appassionare almeno tre generazioni di fan. Ed è per loro che gli Hasbro Studios di Los Angeles, in collaborazione conLionsgateLeone Film Group ed Eagle Pictures, porteranno per la prima volta sul grande schermo una storia tutta nuova, che di certo stupirà piacevolmente tutti gli spettatori, grandi e piccini.

 

Diretto da Jayson Thiessen e basato sulla famosissima serie tv animata giunta alla settima stagione e creata da Lauren FaustMy Little Pony – Il Film racconta una storia nuova e scritta apposta per il grande schermo: una forza oscura minaccia Equestria e le sei protagonisteTwilight SparkleApplejackRainbow Dash,Pinkie PieFluttershy e Rarity. Partiranno per un’avventura di dimensioni “poniche” dove incontreranno nuovi amici e affronteranno entusiasmanti sfide, in un’impresa in cui la magia dell’amicizia le aiuterà a salvare il loro fantastico villaggio.

 

Dato che devono il loro successo soprattutto ai giocattoli targati Hasbro, tutte le piccole pony addicted potranno divertirsi a più non posso replicando le emozionanti scene di My Little Pony –Il Film in compagnia delle loro amiche direttamente nelle loro camerette. Sono tantissimi infatti i playset tratti dal film che replicano perfettamente le tenere e dolci ambientazioni tipiche dei My Little Pony: ogni pomeriggio sarà una nuova fantastica avventura, basta scegliere se farsi coccolare nella Spa di Rarity, far merenda al Caffè di Pinkie Pie o a bordo della Carrozza della Principessa Twilight Sparkle. I must have saranno di certo gli esclusivi Pony Sirena: tutte le protagoniste del film, infatti, si trasformano da aitanti pony a bellissime sirene dalle code super colorate. Le mitiche Twilight Sparkle Fluttershy, e un nuovo personaggio del film (Skystar) vantano addirittura una versione Pony Sirena alta ben 15 centimetri, con tanto di accessori personalizzati. Saranno i pony sirena a popolare il magnifico playset Mondo Sottomarino, ricco di sfondi per ambientare le scene più belle tratte dal film o inventarne di nuove utilizzando tutti gli accessori a disposizione. Il bello arriva con il Castello Terra Mare, il più grande in assoluto (70 cm) e l’unico a riprodurre alla perfezione le atmosfere del lungometraggio, con oltre 25 accessori e 2 nuovi pony in dotazione: Spike e Regina Novo.

 

Le più glamour non potranno farsi scappare le My Little Pony Sirena Mini Borsettine, per portare sempre con sé gli inseparabili e adorati pony. E poi basterà premere un pulsante della borsetta a conchiglia per riascoltare i brani del film e dare il via alle danze. Perché i Little pony, si sa, hanno una grande passione per la musica, proprio come Twilight e Spike Cantanti, sempre pronti a esprimere le loro doti canore e duettare intonando le indimenticabili canzoni del film e continuare a vivere le avvincenti avventure dei My Little Pony.

Commenti

commenti

Continua a leggere

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Lifestyleblog.it
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Classifica Musicale

Più Lette

X