Connettiti con noi

Food & Beverage

Da Champagne Pommery un omaggio a Puccini

Redazione

Pubblicato

il

Anche quest’anno la storica Maison di Champagne Pommery rinnova e suggella la collaborazione con la Fondazione Festival Puccini per la 58.a edizione del Festival Pucciniano con “Brinda al Belcanto”, una linea esclusiva di Champagne in eleganti confezioni che racchiudono la magia delle melodie pucciniane ed immortalano le splendide scenografie delle opere di Puccini come La Bohème e Madama Butterfly. Le pregiate bottiglie saranno in vendita in poche migliaia di esemplari nelle serate dell’evento che partirà il prossimo 20 luglio. Le confezioni custodiscono la cuvée Pommery Noir, etichetta nera di Champagne bouquet di Chardonnay, Pinot Noir e Pinot Meunier, creata in esclusiva da Pommery Italia per il nostro Paese.

Commenti

commenti

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Food & Beverage

Lo zucchero filato tra suggestioni del passato e nuovi utilizzi

betty

Pubblicato

il

Da

La sua forma che ricorda le nuvole, il suo sapore dolce, la sua consistenza soffice che si scioglie in bocca. Lo zucchero filato è amatissimo da grandi e bambini e lo è da tantissimo tempo. L’esistenza di un dolce che ricorda lo zucchero filato è documentata nell’Europa del Diciottesimo secolo e a Venezia pare fosse già presente nel Cinquecento, stando ad alcune testimonianze francesi. Ovviamente si trattava di un cibo diverso dallo zucchero filato odierno, in quanto era fatto a mano, molto costoso e consumato soltanto dalla nobiltà. Oggi le attrezzature per lo zucchero filato sono accessibili a tutti, acquistabili anche su internet e sono presenza obbligata di luoghi come luna park, fiere o feste locali.

La magia che sprigiona lo zucchero filato è davvero incredibile. A cominciare da come viene creato dal movimento rotatorio delle caratteristiche macchine per zucchero filato. Al loro interno si versa lo zucchero con un misurino e, grazie alla bacchetta che si trascina vicino alle pareti della pentola, la nuova rosa o di altri colori si genera in pochi istanti lasciando estasiati grandi e piccini.

Il suo ruolo all’interno della nostra quotidianità è ancora ben saldo. Questo prodotto tanto amato viene oggi non solo utilizzato come abbiamo appena visto, ma impiegato in modo innovativo in cucina e addirittura anche nella scienza. Proviamo a vedere come.

Lo zucchero filato con Prosecco e gelato

In Italia siamo piuttosto integralisti sul cibo mentre in altre parti del mondo sperimentano più facilmente senza farsi troppe domande. Due novità a tema arrivano, stranamente, dalla Gran Bretagna. La prima è davvero incredibile e riguarda quello che un bar di Gloucester, città del sud-ovest dell’Inghilterra, ha sperimentato: il classico bicchiere di prosecco accompagnato da una piccola nuova di zucchero filato (vedi foto sopra). Un abbinamento che pare sia piaciuto ai clienti del locale anche per il costo tutto sommato molto accessibile, 4,5 Sterline a bicchiere.

A Londra, invece, si sono sbizzarriti ulteriormente pensando a qualcosa di davvero unico. Una gelateria di Londra, infatti, ha ideato il cono gelato, quello che noi definiamo artigianale, avvolto da una nuvola di zucchero filato. All’inizio, guardando le foto, si resta quasi interdetti, poi la fantasia inizia a prendere il sopravvento e sono due le sensazioni che evoca: un gelato tra le nuvole o addirittura, quasi per assurdo, avvolto da una calda sciarpa che tende a coprirlo. Un’idea niente male che ha fatto il giro del mondo grazie soprattutto all’utilizzo dei social network e che è stata ripresa sapientemente anche in Italia.

Lo zucchero filato in aiuto della scienza

Chi l’avrebbe mai detto che lo zucchero filato un giorno sarebbe stato fonte d’ispirazione anche per la scienza? Alla Vanderbilt University del Tennessee, negli Stati Uniti, sono infatti riusciti a produrre un tessuto artificiale fatto di cellule a materiale polimerico, utilizzando una comune macchina per lo zucchero filato. Tutto l’esperimento è partito da un concetto molto semplice: lo zucchero filato e i tessuti biologici sono entrambi costituiti da sottilissimi strati di materiale fibroso. I risultati dell’esperimento si sono rivelati più che soddisfacenti tanto che lo studio è stato pubblicato sulla rivista specialistica Advanced Healthcare Materials.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Ricette

Risotto Gran Riserva Gallo al brodo di cappone, con marroni e cacio fresco

Redazione

Pubblicato

il

Il Riso Gran Riserva Gallo interpretato da Filippo La Mantia per Andrea Chénier protagonista della tavola per la Cena di Gala di apertura della nuova stagione scaligera 2017/18
Riso Gallo, azienda leader del riso italiano, conferma la sua presenza alla cena della Prima Scaligera del 7 dicembre che si terrà, come da tradizione, alla Società del Giardino di Milano. L’antica industria risiera di Robbio consolida la partnership con il Teatro e la rinnova per le prossime stagioni per celebrare e sostenere la cultura italiana e l’eccellenza Made in Italy – non solo gastronomica – nel mondo.
Quest’anno lo chef protagonista del menù della Prima sarà Filippo La Mantia che si occuperò di soddisfare i palati fini del teatro lirico più famoso al mondo: grande protagonista sarà “il Risotto Gran Riserva Gallo al brodo di cappone, con marroni e cacio fresco” per Andrea Chénier preparato con il Gran Riserva maturato un anno (annata 2016).

 

 INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

Riso Gallo Gran Riserva invecchiato un anno gr. 200
per il brodo:
· kg.1 di cappone disossato
· gr. 200 di carote
· gr. 200 di sedano
· n.° 6 foglie di alloro
· gr. 50 di pepe in grani
· n.° 10 gambi di prezzemolo
· n.° 1 mazzo di finocchietto fresco
per il brodo di cacio:
· gr. 200 di caciocavallo ragusano stagionato
· cc. 500 di brodo di capponeper il pesto a crudo:
· 1 lime
· gr. 40 di zenzero
· gr. 40 di mandorle tostate
· gr. 40 di finocchietto fresco
· cc. 30 di olio extravergine di oliva

ESECUZIONE:
In una casseruola fare cuocere per 10 ore a fiamma lenta il cappone a pezzi, le carote, il sedano, l’alloro, pepe in grani, gambi di prezzemolo e il finocchietto fresco.
Fare raffreddare e filtrare.
Per il brodo di cacio: versare il caciocavallo grattugiato in una boule di acciaio e versare lentamente il brodo del cappone. Rimescolare con una frusta fin quando il tutto non si sarà amalgamato. Filtrare.
I marroni verranno tostati e frullati ed aggiunti per guarnire il piatto di riso.
In un tegame, quindi, versare dell’olio evo ed aggiungere il riso fino alla sua tostatura. Aggiungere gradualmente il brodo del cappone, il pesto a crudo ed il brodo del cacio. Portare avanti la cottura, aggiustando pepe e sale, fin quando non sarà pronto.

Commenti

commenti

Continua a leggere

Food & Beverage

Natale 2017: Panettone, Pandoro e le novità dolciarie

betty

Pubblicato

il

Da

Panettone, Pandoro e le novità dolciarie per il Natale 2017

Inizia il conto alla rovescia per il Natale 2017. Non soltanto corsa ai regali ma anche attenzione a cosa mangiare durante le festività. Ed ecco che lo sguardo ricade sui dolci della tradizione natalizia, come i classici panettoni e pandori ma anche altre prelibatezze da gustare. Che spesso possono anche trasformarsi in idee regalo

 

Panettone 5 Cereali

Bauli si conferma protagonista del mercato nei prodotti dolciari natalizi con il lancio del Panettone 5 Cereali, novità assoluta 2017 nel segmento dei “Classici” (Prezzo consigliato al pubblico: 7,90€). Un prodotto unico che utilizza sapientemente un mix selezionato di grano saraceno, riso, orzo, farro e avena dando vita ad un panettone originale dai sapori autentici. Ricco di uvetta e senza canditi, il Panettone 5 Cereali è ricoperto di una deliziosa e croccante glassa ricca di fiocchi di avena e mandorle intere.

 

Prodotto che va ad affiancare i tradizionali Pandoro di Verona classico e in versione senza glutine, il Panettone di Verona – bestseller nel segmento dei senza canditi – Il Panettone Classico e il Panettone con Gocce di Cioccolato. Un’ampia gamma di prodotti davvero interessante, tra cui merita una menzione particolare la Linea Regalo.

Grandolce Pan de Oro Bauli

Specialità della tradizione pasticcera contraddistinta dalla forma unica a cupola e dall’utilizzo di pochi e semplici ingredienti di alta qualità che donano l’inconfondibile morbidezza, gusto e il colore dorato. Confezionato a mano.

Le altre novità del gruppo Bauli

  • Prericorrenza (disponibili da ottobre 2017)
    • Dolci Collezioni: la sofficità e la leggerezza della pasta lievitata naturalmente si esaltano con la riscoperta di un ingrediente autentico: il cereale antico Khorasan, unito a farciture speciali e squisiti dettagli contemporanei di raffinata arte pasticcera;
    • Natale dei Piccoli: l’originale e allegra linea dedicata ai più piccoli che unisce la soffice dolcezza del classico pandoro e del panettone con gocce di cioccolato, nello speciale formato da 90gr., a simpatici giochi creativi.
  • Ricorrenza (disponibili da novembre 2017)
    • Grandolce Pan de Oro: un dolce dalla prelibatezza e forma unica: pochi nobili ingredienti sapientemente lavorati che conferiscono profumazione e morbidezza inconfondibili e colore dorato. Ideale per un regalo informale;
    • Il Panettone 5 Cereali: una nuova irresistibile esperienza di gusto dedicata a chi cerca nella tradizione i sapori semplici della natura: 5 cereali (grano saraceno, riso, orzo, farro e avena), uvetta e glassa con mandorle intere e fiocchi di avena. Senza canditi;
    • Il Panettone Rhum Bà: ricetta originale, avvolgente e irresistibile con rhum dei caraibi, crema pasticcera e cioccolato fondente.

 

Praline e Barre Tartufone

Aspettando l’arrivo del Natale, Motta delizia il palato degli amanti del cioccolato con le squisite Praline Tartufone Nocciola e Noir e le Barre Tartufone nelle varianti Ciocco Nocciole, Ciocco Noir e Ciocco Torrone in una veste rinnovata, più elegante e preziosa. Le due gustose proposte sono ideali per chi desidera qualcosa di autenticamente sfizioso e goloso da regalare o da servire durante le feste.

Altrettanto intense sono le sensazioni regalate dalle Barre Tartufone, con l’elegante copertura di cioccolato al latte o fondente che abbraccia e custodisce un morbido ripieno di cereali e nocciole o di granella di torrone. Niente di meglio per vivere un istante di golosità allo stato puro.

 

Alemangna, cura artigianale ed eleganza per il Panettone più esclusivo

Alemagna, che dagli anni venti del secolo scorso rappresenta un mito della tradizione dolciaria Italiana, per il Natale 2017 presenta un Panettone d’eccellenza. Oggi come all’ora, il Panettone da 1Kg è preparato con le attenzioni e le cure del metodo artigianale.

Il Panettone Alemagna si distingue per l’elevata qualità delle materie prime e per la scelta di mantenere un processo produttivo dai tempi dilatati, con numerose operazioni compiute a mano nel rispetto della tradizione di alta pasticceria artigianale.

L’impasto nato dal lievito madre rigenerato quotidianamente è all’origine della straordinaria sofficità; gli scorzoni di arancia di Sicilia e i cubetti di cedro diamante di Calabria sono canditi lentamente e in modo naturale per mantenere l’autentico gusto della frutta, così come l’uva sultanina, dagli acini grandi e polposi, che viene selezionata dalle migliori produzioni del Mediterraneo per donare dolcezza e profumo al prodotto.

Poco prima della cottura, sulla calotta dei panettoni, viene eseguita a mano la cosiddetta “scarpatura”, l’incisione che evoca l’antico gesto di benedizione del pane, e che favorisce lo sviluppo del prodotto durante la cottura e l’ottenimento di una cupola perfetta.

Il Panettone Alemagna, infine, è fatto raffreddare capovolto per molte ore in modo che possa trattenere all’interno l’umidità e la componente aromatica, che ne garantiscono l’ineguagliabile fragranza e morbidezza.

Commenti

commenti

Continua a leggere

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter di Lifestyleblog.it
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Classifica Musicale

Più Lette

X